Massa: "La Ferrari F10 va bene anche sul bagnato"

massa

Era prevista pioggia e pioggia è stata. La terza giornata di prove della settimana sul circuito di Jerez de la Frontera è stata caratterizzata dal maltempo. Soltanto nella prima ora nove delle dieci macchine presenti (la Virgin ha fatto i primi metri nel pomeriggio) hanno potuto girare con pneumatici da asciutto. Va da sé che la classifica dei tempi è rimasta cristallizzata alle dieci, con Alguersuari davanti a tutti (1.19.919) e Felipe Massa quarto (1.21.603).

Dopo aver sfruttato il più possibile la finestra sull'asciutto, Felipe ha aspettato a lungo ai box per scendere in pista in condizioni di asfalto tali da poter svolgere un lavoro tecnicamente significativo. Almeno fino alle 14 l'acqua in pista, complice una pioggerellina leggera ma insistente, non era sufficiente a richiedere l'utilizzo delle gomme da bagnato estremo, mentre non c'erano nemmeno le condizioni perché si formasse una traiettoria progressivamente asciutta.

Poi, quando l'intensità della pioggia è aumentata, il pilota brasiliano della Ferrari ha potuto girare con costanza in modo da verificare il comportamento della vettura sul bagnato. Alla fine sono state 72 le tornate completate da Felipe prima che le condizioni della pista diventassero proibitive, tanto da far anticipare leggermente la fine del programma.

Ecco le parole di Massa: "E' stato un peccato aver potuto girare poco sull'asciutto. Con la pioggia abbiamo cambiato un po' il programma di lavoro e ci siamo dedicati alla verifica del comportamento della vettura e delle gomme in queste condizioni di asfalto. Devo dire che la F10 ha confermato di essere ben bilanciata e sono contento delle sensazioni che ho avuto oggi. Ora speriamo che domani il tempo sia migliore per poter fare chilometri e iniziare a lavorare sull'assetto".

Via | Ferrari Press

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: