GP Bahrain, le qualifiche viste dagli uomini Ferrari

felipe massa

Come abbiamo visto la Ferrari ha piazzato una macchina in prima fila ed una in seconda sulla griglia di partenza del Gran Premio del Bahrain, che si svolgerà domani sul circuito di Sakhir. Felipe Massa è alle spalle del leader, Fernando Alonso terzo: una prova incoraggiante per il uomini del "cavallino rampante".

Dice Stefano Domenicali: "E’ un buon risultato, giunto al termine di una sessione molto combattuta. Voglio ringraziare tutte le persone della Gestione Sportiva che in questi mesi hanno lavorato duramente per cercare di recuperare il distacco sui migliori accusato alla fine della scorsa stagione. Oggi siamo tornati a respirare l’aria del vertice, anche se sappiamo che le somme si tirano la domenica pomeriggio, dopo la gara".

"Ci aspetta una corsa assai lunga e difficile -continua il team principal di Maranello- dove la priorità numero uno sarà, come sempre del resto, l’affidabilità: con temperature così alte vetture, piloti e gomme saranno messi a dura prova. Importante anche saper gestire la gara nella maniera migliore, individuando il momento giusto per cambiare i pneumatici. Credo che questo sia un punto interrogativo un po’ per tutti, visto che ci troveremo in condizioni ben diverse da quelle che abbiamo avuto nei test di febbraio. Sono molto soddisfatto del modo in cui Fernando si sta integrando nella nostra squadra: sembra che sia con noi da anni e non da pochi mesi. Sono felicissimo che il ritorno in gara di Felipe possa avvenire partendo dalla prima fila della griglia di partenza: se lo merita per tutto quello che ha vissuto lo scorso anno".

Il pilota brasiliano non trattiene la gioia: "E’ bello essere tornati ad essere così competitivi dopo un periodo molto difficile. Un buon modo di iniziare la nuova stagione ed una bella ricompensa per tutto il lavoro svolto durante l’inverno dalla squadra. La corsa sarà molto difficile, ma sono contento di avere la possibilità di lottare per il vertice. Ieri abbiamo lavorato bene in funzione della gara e credo che siamo andati nella giusta direzione, ma siamo solo al primo Gran Premio e ci sono ancora tante incognite da decifrare come, ad esempio, la scelta del momento migliore per sostituire i pneumatici. Oggi ho dato il massimo, facendo un buonissimo giro all’ultimo tentativo, mentre in quelli precedenti non era stato così. Voglio ringraziare Sebastian per le parole che ha detto su di me all’inizio della conferenza stampa: mi hanno fatto molto piacere e dimostrano il grande rispetto che c’è fra noi piloti".

Anche Alonso è contento: "Fino ad oggi non avevamo un riferimento vero sulla nostra competitività: avere una macchina in prima ed una in seconda fila ci può far sentire soddisfatti perché significa che iniziamo il campionato in maniera positiva. Sono soddisfatto di questo mio esordio in qualifica con la nuova squadra. La F10 è andata forte in Q1 e in Q2, poi Vettel è riuscito ad essere più bravo di noi. Nell’ultimo tentativo ho perso del tempo prezioso in un paio di curve, lasciandoci qualche decimo: può succedere quando lotti per la pole position. Non mi sorprende avere Felipe davanti a me: è il mio compagno di squadra e sappiamo quanto vada forte su questo tracciato. Sapevamo di avere una buona macchina e l’abbiamo messa a punto durante i test di febbraio: oggi ne abbiamo dimostrato il potenziale e ora abbiamo otto mesi di lavoro per svilupparla".

Sulla stessa linea il commento di Chris Dyer: "Sono contento. Avere due vetture nelle prime due file è una buona base di partenza. Domani si preannuncia una corsa molto interessante. Abbiamo avuto qualche problemino sulle macchine durante la giornata, ma la squadra è stata brava a gestire la situazione nella maniera migliore. Nelle prove sulla lunga distanza che abbiamo effettuato ieri la nostra macchina sembra essere piuttosto costante come prestazioni e non abbiamo visto nessuno che abbia manifestato una superiorità particolarmente marcata".

Via | Ferrari Press

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: