Audi R15 Plus, arma di Ingolstadt per la 24 Ore di Le Mans

audi r15 plus

L'Audi vuole tornare a vincere la 24 Ore di Le Mans. Per raggiungere lo scopo si affida all'evoluzione della sua barchetta, che assume la denominazione di R15 Plus. Un ampio programma di test con la nuova creatura da corsa è appena iniziato negli Stati Uniti.

Wolfgang Ullrich, responsabile Motorsport della Casa di Ingolstadt, tiene particolarmente al risultato: "Per noi la LMP1 è la migliore alternativa alla Formula 1, perché permette lo sviluppo di tecnologie utilizzabili sulle nostre auto di serie. Nel circuito della Sarthe l'efficienza è di fondamentale importanza. Questo concetto, che un fattore chiave dei nostri modelli stradali, è stato prioritario in tutto il progetto di sviluppo della R15, in particolare nella definizione dell'aerodinamica".

Martin Mühlmeier, capo del dipartimento tecnologia di Audi Sport, spiega così l'attenzione per il comparto: "Quest'anno i regolamenti impongono flange d'aria con un diametro più piccolo e pressione di sovralimentazione ridotta per le auto diesel. Per compensare la perdita di potenza imposta dalla normativa, abbiamo cercato di migliorare l'aerodinamica della vettura, aumentando la scorrevolezza e il carico deportante".

Le modifiche regolamentari, annunciate a fine novembre, hanno reso estremamente difficile il lavoro degli ingegneri, costringendoli a cambiare completamente la fisionomia della zona anteriore. Con il nuovo naso, il prototipo si chiama R15 Plus. Il corpo del bolide è stato riprogettato per la massima funzionalità. Grande l'attenzione posta nello studio del serbatoio e del sistema di raffreddamento.

L'unità propulsiva è stata ottimizzata per adattarsi alle nuove condizioni operative. Il responsabile dei motori Ulrich Baretzky valuta con compiacimento il risultato: "Il nostro obiettivo era di perdere la minima carica energetica, a dispetto delle restrizioni imposte dal nuovo capitolato tecnico. Crediamo di aver fatto bene, attraverso uno studio meticoloso". La scuderia del 5.5 litri supera ancora i 600 cavalli. Non male, vero?

Lo step evolutivo ha mosso i primi passi il 3 marzo, sulla pista di prova Audi a Neustadt (Germania), ma il vero lavoro è quello in corso negli Stati Uniti, con due settimane di test intensivi. Prima della 24 Ore di Le Mans, Audi Sport Team Joest condurrà un programma completo di "allenamento" su diversi tracciati in Europa.

Fra gli impegni in programma, la 8 Ore di Le Castellet (Francia) dell'11 aprile e la 1000 km di Spa-Francorchamps (Belgio) del 9 maggio. Poi la sfida più importante dell'anno, con tre R15 Plus. La prima sarà affidata a Dindo Capello, Tom Kristensen e Allan McNish, la seconda a Timo Bernhard, Romain Dumas e Mike Rockenfeller. L'ultima a Benoit Treluyer, Marcel Fässler e Andre Lotterer.

Via | Les24heuer.fr

  • shares
  • Mail
38 commenti Aggiorna
Ordina: