GP Cina, la gara della Ferrari vista dall'interno

alonso

La Scuderia Ferrari Marlboro ha incassato 14 punti nel Gran Premio di Cina di Formula 1, che si è disputato oggi sulla pista di Shanghai. Questo bottino è il frutto del quarto posto di Fernando Alonso e del nono di Felipe Massa. Un risultato non sufficiente a conservare il primato nelle due classifiche mondiali, dove la casa di Maranello occupa ora il secondo posto fra i costruttori, mentre i suoi piloti sono in terza e sesta posizione.

Parlando della gara odierna, Stefano Domenicali indirizza ai meccanici le parole di apertura del suo resoconto: "Prima di tutto voglio fare i complimenti alla squadra del pit-stop, che ha svolto un lavoro straordinario, compiendo tre doppie soste senza commettere il benché minimo errore, anzi consentendo di guadagnare delle posizioni".

Poi il team principal del "cavallino rampante" allarga l'orizzonte: "Quanto alle opzioni strategiche, con riferimento alla prima sosta, credo vada evidenziato come fra i primi quattro classificati ci siano state due scelte diverse, il che significa che è difficile dire quale sarebbe stata quella la soluzione giusta: col senno di poi, ha pagato più quella di Button, ma va anche detto che, senza la penalità per la partenza anticipata, Fernando avrebbe sicuramente potuto lottare per vincere".

"Il sorpasso fra Felipe e Fernando -prosegue Domenicali- lo abbiamo potuto vedere solo dopo, nel replay televisivo. Credo che sia stato un normale episodio di gara e non ci sono assolutamente problemi fra i due piloti: quando si corre sempre per vincere ci possono stare momenti come questo. C'è un po' di rammarico al termine di queste prime quattro gare del campionato. Sicuramente abbiamo raccolto meno di quanto fosse nelle nostre possibilità, vuoi per degli episodi, vuoi per dei problemi dipendenti dalla nostra responsabilità. Detto questo, siamo in piena lotta per entrambi i titoli e questo è già molto importante. Ora dobbiamo continuare a spingere sullo sviluppo della macchina e sulla prestazione, in particolare in qualifica. Già da Barcellona dobbiamo tornare a salire sul podio: ne abbiamo tutte le possibilità".

Massa racconta così la sua prova: "E' stata una gara molto complicata ed è chiaro che non posso essere soddisfatto di questo risultato. Ovvio che due punti sono meglio di niente, ma nelle prossime gare dobbiamo fare meglio, per questo dobbiamo lavorare sullo sviluppo della macchina. Sin dall'inizio era difficile fare la scelta giusta in termini di gomme da utilizzare, a causa della variabilità del tempo. Nell'episodio del sorpasso di Fernando sono finito su un po' d'acqua uscendo dal tornantino e ho perso leggermente il controllo della vettura: lui è riuscito a mettersi all'interno e a superarmi entrando nella pit-lane".

"In quell'occasione -aggiunge il brasiliano- ho perso delle posizioni, perché ho dovuto aspettare che lui facesse la sua sosta. Negli ultimi giri facevo tanta fatica con le gomme, ma Michael era messo peggio di me e sono riuscito a superarlo. Abbiamo visto come da una gara all'altra la situazione possa cambiare radicalmente: dobbiamo lavorare al meglio per cercare di sfruttare tutto il potenziale a disposizione".

Ecco invece la valutazione di Alonso: "In gare come queste può succedere di tutto. Abbiamo fatto cinque pit-stop per cambiare le gomme, un fatto decisamente insolito: tutto sommato, penso che abbiamo preso le decisioni giuste al momento giusto. In una gara così si capisce solo alla fine cosa sarebbe stato meglio fare: né in macchina né al muretto abbiamo la palla di vetro! Ho commesso un grave errore alla partenza: i riflessi mi hanno tradito e sono partito in anticipo. Non mi era mai capitato e sono molto deluso di me stesso: per fortuna, nonostante la penalità, sono riuscito a finire al quarto posto".

Poi l'asturiano aggiunge: "Il sorpasso su Felipe? Se non fosse il mio compagno di squadra non se ne parlerebbe così tanto: per me è stata una manovra normale e non comprometterà certo i nostri rapporti. Abbiamo un grande potenziale e dobbiamo sperare che ci siano gare normali, come in Bahrain. L'inizio del campionato è stato positivo: abbiamo dimostrato di essere competitivi su tutte le piste e di avere le carte in regola per vincere il titolo. Chiaro, dobbiamo alzare la nostra media punti e migliorare il nostro rendimento in qualifica. La McLaren merita il primato: magari non hanno la macchina migliore ma hanno sfruttato al meglio ogni occasione".

Questa l'analisi di Chris Dyer: "Una gara estremamente difficile, condizionata dalle mutevoli condizioni climatiche e, per quanto riguarda Fernando, dall'episodio in partenza. All'inizio della gara abbiamo optato per le gomme intermedie, ma la pista non è rimasta bagnata abbastanza a lungo e siamo dovuti tornare a quelle da asciutto. Poi, quando la pioggia è arrivata, siamo tornati a quelle da bagnato ed entrambe le macchine si sono dimostrate molto competitive. I piloti hanno gestito i pneumatici meglio di tanti altri, riuscendo a recuperare delle posizioni. Dopo la penalità, Fernando ha fatto una gara bellissima. Anche i ragazzi del pit-stop hanno svolto un lavoro eccezionale. A loro vanno fatti tanti complimenti".

Via | Ferrari Press

  • shares
  • Mail
27 commenti Aggiorna
Ordina: