GP Canada: ancora doppietta McLaren



Gara anomala difficile da interpretare ed eccessivamente condizionata dal degrado delle gomme questo gran premio del Canada. Tutti gli equilibri e le strategie saltano sulle pessime mescole portate dalla Bridgestone, che trasformano la gara in una lotteria.

La strategia che si presumeva vincente della Red Bull l'unica a partire tra i team di testa con gomme dure si rivela invece sbagliata, e la McLaren centra un’altra importante doppietta, che la proietta come pretendente al titolo, anche per la migliore gestione da parte del team di tutte le situazioni che si presentano. La partenza vede i primi conservare la posizione, mentre dietro una bagarre vede coinvolti massa e Liuzzi e Button, il brasiliano della Ferrari dovrà rientrare al 2^ giro per cambiare il muso e mettere gomme tenere, ma si ritroverà in fondo al gruppo.

Nei giri successivi c’è il sorpasso di Webber su Button per la quarta piazza, mentre Vettel comincia ad insidiare Hamilton già in crisi di gomme, all’ottavo giro Button rientra ai Box, seguito da Hamilton e Alonso, che alla ripartenza beffa Hamilton superandolo in corsia Box. Le Red Bull a questo punto sono in testa seguite da Schumacher, ma è una situazione destinata a durare poco, il degrado delle gomme su entrambe le mescole è più elevato e discontinuo del previsto, costringendo Webber a rientrare al 14^ giro, e subito dopo Vettel che gioca la carta di mettere gomme morbide.

Buemi si ritrova in testa alla gara, mentre Hamilton passa Alonso e dietro seguono Button e le due Red Bull, la gara ha un momento di assestamento con Vettel che riesce a gestire le gomme morbide mantenendo un buon passo, e illudendo sulle sue possibilità di vittoria. Al 24^ giro Hamilton rientra per la seconda sosta: le gomme dei primi cominciano a cedere di nuovo, Alonso si trova in testa, rientrano anche Vettel e Button, ed al Giro 29^ è ai box anche Alonso.

Webber e Hamilton sono ora in testa alla gara, che a causa dei ripetuti e non pianificati cambi gomme vive una fase confusa e senza riferimenti. A metà gara la situazione dei primi è Webber, Hamilton, Alonso, Button e Vettel, con l’australiano che ha effettuato un solo pit stop, infatti dopo pochi giri il suo ritmo cala: i suoi pneumatici hanno già oltre 30 giri. Hamilton a questo punto passa Webber in crisi, siamo al 50^ giro, il quale rientra mette le morbide e rientra in quinta posizione, cinque giri dopo un momento chiave della gara, Button approfittando di un doppiato si fa sotto ad Alonso e lo passa, privando forse l’asturiano della possibilità di vincere la gara.

A questo punto Webber con gomme morbide gira forte, mentre Alonso non molla e continua a tallonare Button, purtroppo al 65^ giro per una incomprensione con Schumacher Massa danneggia l’alettone, deve rientrare ancora perdendo la possibilità di stare in zona punti. La gara ormai è nella fase finale, le due Mclaren sono saldamente in testa, seguite dal ferrarista, e dal duo Red Bull, a questo punto e lecito pensare che dai rispettivi box siano arrivati ordini per calmierare i piloti e conservare la posizione evitando qualunque situazione di rischio.

La gara si conclude con Hamilton davanti a Button quindi Alonso, Vettel e Webber, per la Mclarer è la seconda doppietta di fila, che pesa sia in classifica, che dal punto di vista psicologico. Le prossime gare vedranno sicuramente tornare la vettura alata sugli scudi, ma la Mclaren è una degna sfidante, in grado di approfittare di qualunque situazione si venga a creare, di una maggiore intelligenza del muretto, e di piloti molto veloci e concreti.

Il Campionato sicuramente è ancora aperto, ma al di la del buon risultato di oggi, se la Ferrari nelle prossime gare non porterà consistenti novità si può già considerare fuori dalla lotta.

Di seguito l'ordine di arrivo

1. Hamilton - McLaren-Mercedes 1h33:53.456
2. Button - McLaren-Mercedes + 2.254
3. Alonso - Ferrari + 9.214
4. Vettel - Red Bull-Renault + 37.817
5. Webber - Red Bull-Renault + 39.291
6. Rosberg - Mercedes + 56.084
7. Kubica - Renault + 57.300
8. Buemi - Toro Rosso-Ferrari + 1 lap
9. Liuzzi - Force India-Mercedes + 1 lap
10. Sutil - Force India-Mercedes + 1 lap
11. Schumacher - Mercedes + 1 lap
12. Alguersuari - Toro Rosso-Ferrari + 1 lap
13. Hulkenberg - Williams-Cosworth + 1 lap
14. Barrichello - Williams-Cosworth + 1 lap
15. Massa - Ferrari + 1 lap
16. Kovalainen - Lotus-Cosworth + 2 laps
17. Petrov - Renault + 2 laps
18. Chandhok - HRT-Cosworth + 4 laps
19. Di Grassi - Virgin-Cosworth + 5 laps

Il campionato piloti
1.Hamilton 109; 2.Button 106; 3.Webber 103; 4.Alonso 94; 5.Vettel 90; 6.Rosberg 74; 7.Kubica 73; 8.Massa 67; 9.Schumacher 34; 10.Sutil 23; 11.Liuzzi 12; 12.Barrichello 7; 13.Petrov 6; 14.Buemi 5; 15.Alguersuari 3; 16.Hulkenberg, Kobayashi 1.

Il campionato costruttori
1.McLaren-Mercedes 215; 2.Red Bull-Renault 193; 3.Ferrari 161; 4.Mercedes 108; 5.Renault 79; 6.Force India-Mercedes 35; 7.Williams-Cosworth, Toro Rosso-Ferrari 8; 9.Sauber-Ferrari 1.

  • shares
  • Mail
66 commenti Aggiorna
Ordina: