Porsche 997 GT3 RSR, lo sviluppo continua



La nuova Porsche GT3 RSR aspirante regina delle Gt2 continua la sua marcia di sviluppo, con questo modello la casa di Stoccarda tornerà ad occupare quel ruolo di spicco nel mercato delle auto da competizione che storicamente le appartiene. Il progettista della RSR è Roland Kussmaul vecchia volpe del reparto corse di Stoccarda, ed oggi sostituto di Norbert Singer, la vettura è una radicale evoluzione della 996, l’aerodinamica è più curata ed efficiente producendo una superiore downforce, le sospensioni sono completamente nuove e non conservano legami con l’architettura precedente. Dove l’auto si distingue è in parte stravolge i concetti della 996 è per primo la distribuzione dei pesi, le masse sono decisamente più centrate e grazie alla possibilità di usare 35Kg di zavorra si ottiene un 43% di peso all’avantreno, è un 57% sul retrotreno, un risultato quasi da auto normale e non da vettura a motore posteriore.


L’altro grande cambiamento rispetto al passato è la scelta di costruire una vettura più pesante con gomme più larghe, valutando quanto fosse difficile col vecchio modello scendere al peso minimo di 1100kg si è preferito salire col peso a 1225kg, aumentare la rigidità e usufruire dei vantaggi di una carreggiata più larga. Questa configurazione consente a fronte di un maggior peso di adottare strozzature maggiori, 30,3mm invece di 29mm consentendo di avere più potenza, il risultato con gomme da GT1 è di una vettura che in pista sembra la più larga e possente.


Il motore 6 cilindri da 3795cc con distribuzione Vario Cam è derivato direttamente dall’unità costruita per i Daytona Prototipe, la potenza è di 485CV a 8500g/m con una coppia di 42,5Kgm a 7250g/m. Attualmente la trasmissione è la vecchia unità ma nel 2007 il sequenziale a sei marce sarà derivato da quello del prototipo RS Spider, e tra i vantaggi consentirà una minore inclinazione dei semiassi consentendo un assetto più basso.


La 997 RSR ha iniziato il suo percorso di sviluppo debuttando quest’anno alla 24 ore di Spa usufruendo della possibilità di schierare una vettura non ancora omologata, il risultato di gara non è stato eclatante anche per problemi di gioventù ma le prestazioni si sono già viste, l’obbiettivo della Porsche e di avere un’auto da 1 a 2 secondi più veloce della 996. I piani di Stoccarda prevedono la costruzione di 90 esemplari in tre anni, l’omologazione arriverà col 1 gennaio 2007 quindi questo esclude la presenza della RSR nelle ultime prove del GT Fia.


Come reagirà la Ferrari attuale dominatrice in Gt2 all’arrivo della RSR, a Maranello si dicono tranquilli di continuare ad avere una vettura competitiva con le previste evoluzioni, soprattutto di natura elettronica e aerodinamica, comunque sembra che Michelotto il preparatore delle Ferrari stia analizzando gli eventuali vantaggi ottenibili con la configurazione regolamentare scelta dalla Porsche.




La galleria fotografica mette bene in evidenza bellezza e raffinatezza tecnica della GT3 RSR

  • shares
  • +1
  • Mail
47 commenti Aggiorna
Ordina: