Dalla Superstars alla strada: Mercedes C63 Amg by Romeo Ferraris

mercedes c63 amg by romeo ferraris

La Mercedes C63 AMG by Romeo Ferraris nasce dall'esperienza maturata nel Campionato Superstars. Grazie al programma di preparazione sviluppato dal team di Opera (MI), la vettura della casa di Stoccarda è ora in grado di erogare 540 cavalli, contro i 457 della versione di serie. La velocità di punta supera i 300 km/h.

Gli interventi comprendono una nuova mappatura della centralina, impianto di scarico ottimizzato, cerchi da competizione e assetto regolabile in altezza e taratura. La Squadra Corse della Romeo Ferraris ha messo a punto un programma di preparazione che trasferisce sull'auto stradale l'esperienza acquisita sui campi gara con le vetture di Michela Cerruti, Max Pigoli e Francesco Sini.

Gli interventi, sotto forma di efficaci soluzioni tecniche, modificano radicalmente il comportamento del modello standard, trasformandolo in una supercar da pista (ma non solo). Alla causa prestazionale concorrono il nuovo kit aerodinamico e i leggerissimi cerchi da competizione da 18 pollici (10Kg ciascuno).

mercedes c63 amg by romeo ferraris
mercedes c63 amg by romeo ferraris
mercedes c63 amg by romeo ferraris
mercedes c63 amg by romeo ferraris

mercedes c63 amg by romeo ferraris

Le modifiche aerodinamiche proposte su questo esemplare sono solo un'anticipazione del pacchetto in fase di sviluppo, che riprenderà le linee delle vetture schierate da Romeo Ferraris nel Campionato Superstars. Il primo elemento che contraddistingue la C63 AMG-RF è una speciale verniciatura cromo, soluzione utilizzata anche per la vettura di Francesco Sini.

I tecnici della Factory milanese hanno inoltre progettato un nuovo paraurti anteriore in grado di garantire un maggiore carico aerodinamico, grazie all'inedito disegno della parte inferiore. Per enfatizzare ulteriormente l'aggressività è stato ristudiato il design delle bocche del paraurti. Altre modifiche hanno interessato le prese d'aria laterali, gli specchietti e le parabole dei fari. Completa l'allestimento la pellicolatura del tetto.

Negli interni è stata richiamata la verniciatura cromo della carrozzeria, mediante cuciture argento per sedili e volante, quest'ultimo impreziosito dal rivestimento in Alcantara della corona. Per rivestire tutte le plastiche, dalla plancia ai pannelli portiera, è stata utilizzata della pelle primo fiore nera, che avvolge il guidatore in un ambiente accogliente e morbido al tatto, ben lontano dal ruvido e freddo abitacolo di serie.

Il vero cuore del programma di elaborazione messo a punto dal Reparto Corse della Romeo Ferraris è però il motore V8 AMG da 6.2 litri di cilindrata, capace di erogare, dopo l'intervento, 540 cavalli, avvicinando le prestazioni delle C63 AMG impegnate nella Superstars Series. È stata proprio la grande esperienza maturata negli anni nel mondo delle corse a permettere ai tecnici di ottenere il massimo risultato dalla rimappatura della centralina e di sviluppare una nuova linea di scarico ad alte prestazioni che sostituisce tutti i componenti di serie, dai collettori fino ai terminali di scarico, con componenti di derivazione racing.

La C63 AMG-RF accelera da 0 a 100 km/h in soli 4 secondi e raggiunge i 200 km/h in 12.5 secondi. La velocità massima infrange il muro dei 300 km/h. Ovvio che l'assetto sia congruo a questi numeri. I programmi di elaborazione della Romeo Ferraris permettono di utilizzare l'auto tutti i giorni su strada senza problemi, ma questa versione è stata sviluppata anche per la pista. Lo testimonia la scelta di equipaggiare la vettura con gli stessi cerchi in lega che ogni weekend di gara affrontano i cordoli dei tracciati nazionali e internazionali.

Si tratta degli Arcasting GTR da 18 pollici che, grazie alla loro particolare lega di alluminio ultraleggera (Al Si7) e al processo di lavorazione al quale sono sottoposti, hanno un peso di soli 10 Kg. Il feeling con l'asfalto è stato ulteriormente enfatizzato dai pneumatici Yokohama Advan Sport (ant. 235/40 R18, post. 255/35 R18) e dai nuovi ammortizzatori sportivi completamente regolabili in altezza, compressione, estensione e taratura che, grazie all'adozione di una specifica molla corta sviluppata per questo assetto, abbassano la vettura fino a 50 mm.

Se non dovesse bastare, è possibile migliorare ulteriormente la risposta alle sollecitazioni del guidatore sostituendo i supporti delle sospensioni con un kit di componenti poliuretanici che, avendo una durezza superiore a quella della gomma, irrigidiscono efficacemente la struttura. Il risultato finale è una vettura con una migliore guidabilità e una maggiore precisione nell'inserimento in curva, con tutti i vantaggi di un assetto regolabile che può essere adattato allo stile di guida e alla situazione (strada o pista), privilegiando il confort o lo doti dinamiche.

Se la potenza fosse rimasta la stessa questi interventi sarebbero stati più che sufficienti ma, considerando i 540 cavalli a disposizione, i tecnici della Romeo Ferraris hanno deciso di modificare la taratura del differenziale di serie portandola al 40% per garantire la massima motricità e di offrire la possibilità di montare un impianto frenante maggiorato Brembo composto da pinze a 6 pompanti con dischi da 380 mm allʼanteriore e da pinze a 4 pompanti con dischi da 345 mm al posteriore.

Via | Romeo Ferraris Press Office

  • shares
  • +1
  • Mail