F1, la famiglia Chapman si schiera con Lotus Renault: "Non vogliamo che Fernandes usi il nome Team Lotus"

lotus

Colpo di scena: la famiglia Chapman, erede del Colin che fondò la Lotus nel 1952 ha annunciato nel pomeriggio di ieri che si schiererà in favore di Lotus Renault nella diatriba che sta opponendo questa squadra a quella di Tony Fernandes, quella Lotus Racing che nel 2011 intende rispolverare la leggendaria denominazione "Team Lotus".

Clive Chapman, il figlio di Colin, che pure durante il 2010 aveva supportato Fernandes e la sua formazione, ha diramato ieri un comunicato stampa in cui si legge: "la famiglia Chapman è impressionata dagli eccitanti sviluppi in corso all'interno del Group Lotus ed è molto grata a Proton per i significativi investimenti sostenuti allo scopo di assicurare un solido futuro ai lavoratori di Hethel".

"L'anno scorso" prosegue Clive "insieme a Proton abbiamo accordato il ritorno del nome Lotus in F1. Siamo rimasti impressionati dai risultati ottenuti da Lotus Racing, che era un nuovo team, e del rispetto dimostrato dalla squadra nei confronti della storia del Team Lotus. Tuttavia, la licenza per l'uso del nome Lotus da parte loro in F1 è scaduta e le cose sono cambiate". E il bello viene ora.

"Nel corso del 2010 abbiamo chiarito che preferiremmo non rivedere il nome Team Lotus in F1. E siamo anche stati rassicurati in tal senso dai diretti interessati. La famiglia Chapman continuerà dunque a sostenere il Group Lotus, che è l'entità nata da Colin Chapman operante fino a oggi senza soluzione di continuità. Dopotutto, il marchio Lotus ricade sotto la responsabilità di Group Lotus e Hethel è la sua casa da sempre".

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: