Dakar 2011: gli highlights della settima tappa. Sfortuna per Peterhansel!

Come abbiamo detto questa mattina, la sesta speciale della Dakar 2011 si è chiusa nel segno di Carlos Sainz, che ha vinto davanti a Nasser Al-Attiyah, Giniel De Villiers e Mark Miller, tutti su Volkswagen. La tappa di ieri è stata caratterizzata dalla sfortuna che ha preso di mira Stephane Peterhansel, impedendogli di confermare quanto di buono aveva fatto vedere nella giornata di giovedì.

Allora si era imposto nella prova da Calama a Iquique, regalando il primo successo dell'anno alla Bmw e scavalcando il principe del Qatar in classifica generale, dove si era ripreso il secondo posto assoluto. Anche nella sfida del venerdì il pilota francese sembrava in grado di interrompere la scia di vittorie delle Touareg, ma quattro forature gli hanno impedito di maturare l'obiettivo.

Già mercoledì aveva bucato una gomma, pregiudicando un possibile successo, ma ieri l'inconveniente si è ripetuto con una frequenza impressionante. Peterhansel aveva iniziato bene la tappa, guadagnando progressivamente terreno su Sainz e costruendo un margine di vantaggio fino a 1'15" nei suoi confronti.

Quando tutto sembrava volgere al meglio l'incubo ha cominciato a prendere forma, con un piccolo errore di navigazione seguito dai quattro inconvenienti alle coperture, che lo hanno costretto a cedere molto tempo prezioso. All'arrivo il ritardo dal matador spagnolo è stato di 12'25". Una vera batosta per Stephane, che ora si trova a quasi 15 minuti dal vertice. Così il sogno della vittoria diventa molto più difficile, anche se la Dakar consente vigorose rimonte.

L'alfiere dell'elica blu può approfittare della pausa odierna per ricare le pile e rilanciare le sue ambizioni, sperando di patire meno la cattiva sorte. Facile capire il suo stato d'animo, specie dopo il successo di giovedì, che aveva rilanciato le sue chance e quelle della Bmw. Più rilassato Sainz, che è stato il più rapido nella sfida sul deserto di Atacama, dove i protagonisti hanno sfiorato il confine con il Perù. Al momento il pilota iberico guida la classifica generale con 2'42" su Al-Attiyah, che non molla la presa.

Via | Eurosport.com

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: