Vijay Mallya: "La F1 non è un hobby, ma un business"

mallya

Vijay Mallya nega che il team di Formula 1 e la squadra di cricket siano dei semplici diversivi per lui. Il miliardario indiano confessa che le due attività non sono degli hobby, ma hanno una valenza di ordine meno sentimentale: "Il mio impegno nelle due discipline non è un fatto di sola passione, ma si lega al loro ruolo promozionale, che ne fa degli strumenti di business molto incisivi".

Il patron della Force India, il cui impero spazia dalla birra alle compagnie aeree, cerca quindi di conciliare il cuore con il conto in banca, attribuendo priorità a quest'ultimo. Lui non si fa illusioni di gloria per il 2011, ma si gode i progressi compiuti nel tempo: "Sono orgoglioso dei miglioramenti del team. A partire dalla fine del 2007, quando sono entrato nel Circus, è stata percorsa una lunga strada".

Mallya ammette che l'universo dei Gran Premi offre sfide di grande portata: "La F1 è forse lo sport più competitivo del pianeta sul piano tecnico. Spesso la lotta avviene sul filo dei centesimi di secondo. E' un mondo molto estremo, dove è difficile salire in fretta la scala gerarchica". Andare avanti di qualche gradino, però, è il suo obiettivo.

Via | Thef1times.com

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: