F1: "L'ala flessibile Red Bull non è illegale" secondo Charlie Whiting

charlie_whiting "Non illegale". In due sole parole Charlie Whiting ha espresso il suo verdetto sull'ala flessibile che la Red Bull ha portato in Australia. Alla soluzione viene attribuito da più parti il merito del successo ottenuto dalla "lattine" sulla pista di Melbourne, dove Sebastian Vettel ha letteralmente azzerato la concorrenza.

Il profilo alare anteriore, ha spiegato Whiting, non contravviene alla parte del regolamento in cui si vietano parti aerodinamiche flessibili. Già nel 2010, lo ricordiamo, erano venute fuori simili accuse nei confronti del team. Si dice che in Australia l'alettone anteriore flettesse in maniera talmente macroscopica da costringere i meccanici a controllare costantemente il consistente stato d'usura della sua superficie inferiore.

Lapidario il commento del delegato tecnico FIA intervistato dalla tedesca Bild sulla vicenda: "Non abbiamo trovato niente di insolito. Le vetture sono in ordine". Altrettanto chiara è la dichiarazione rilasciata da Norbert Haug alla rivista: "L'ultima volta che abbiamo visto una vettura così superiore era molto tempo fa. Domenica, anche senza i nostri contrattempi, avremmo potuto solo ammirare le Red Bull da lontano". Campionato morto stecchito dopo una sola gara? Dai cavolo, diteci di no...

  • shares
  • Mail
19 commenti Aggiorna
Ordina: