F1, Lotus: per l'ad Maldonado non è intoccabile

Il venezuelano è ancora all'asciutto di punti in stagione. Grosjean, suo compagno di team, ne ha conquistati già 16.

Un primo piano di Pastor Maldonado

La ricca sponsorizzazione che Maldonado assicura al team Lotus non gli vale il titolo di intoccabile. Lo ha precisato Matthew Carter, amministratore delegato della scuderia, che spera in tal modo di pungerlo nel vivo e di portarlo a migliorare risultati sportivi fin qui assai deludenti.

Non è intoccabile. Deve provarlo a se stesso, deve provarlo a se stesso in quanto pilota – commenta il manager, che poi rivolge una carezza all’ex Williams –. Da parte nostra lo sta facendo. A Montecarlo ha preceduto in qualifica Romain (Grosjean, nda) e ciò non avviene a meno ché tu non sia un grande pilota. E’ sempre stato veloce in gara, ma deve solo mettere insieme un weekend positivo”. Carter ricorda poi come Maldonado sia stato ad ora molto sfortunato, pur restando comunque “un pilota molto veloce. Lo vediamo tutte le settimane al simulatore. Anche in Malesia è stato per lunghi tratti più veloce di Romain”.

Il 30enne ha disputato un inizio di stagione fin qui disastroso, arrivando al traguardo solo in Bahrain (15°) e ritirandosi nelle altre cinque gare. E’ sponsorizzato dalla compagnia petrolifera PDVSA, controllata dallo stato venezuelano, che fornisce gran parte degli introiti necessari a garantire la sopravvivenza del team di Enstone.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail