F1, Hamilton: E' difficile vedere McLaren così indietro

I deludenti risultati (solo tre punti conquistati finora) non invogliano Ron Dennis ad effettuare ribaltoni: l'ad conferma Button anche per il prossimo campionato.

Un primo piano di Lewis Hamilton

Lewis Hamilton ha corso sei stagioni al volante di una McLaren, aggiudicandosi un titolo piloti ed imponendosi in ventuno gran premi. Il team inglese ha supportato Hamilton fin da quando aveva 12 anni e lasciava già intravedere il suo straordinario potenziale. Per tal motivo non dobbiamo stupirci se il 30enne di Stevenage nutre ancora un profondo legame nei confronti della vecchia scuderia, come emerso durante una recente intervista.

“Conosciamo tutti le difficoltà che stanno vivendo in questa stagione, ma per me la situazione è particolarmente difficileesordisce il pilota della Mercedes –. Sono un grande team, dal passato glorioso e di cui ero membro fino a pochi anni fa. Non è normale vederli in queste condizioni”. Hamilton non manca comunque di rivolgere un incoraggiamento ai suoi vecchi compagni d’avventura.

In McLaren c’è ancora il grande Ron Dennis, ci sono tanti ingegneri capaci ed uno spirito di gruppo consolidato – le sue parole –. Stanno attraversando un momento nero, ma per fortuna si vede la luce al fondo del tunnel”. Lo spirito di gruppo a cui allude Hamilton è rintracciabile nella decisione assunta dal team, che intende confermare Jenson Button per un’altra stagione. Lo ha confermato proprio Ron Dennis, amministratore delegato McLaren, che ha speso parole d’elogio per il compito svolto da Button ed Alonso. McLaren ha conquistato finora solo tre punti, totalizzando al contempo nove ritiri.

  • shares
  • Mail