F1: la Mercedes ora si preoccupa "Ferrari minaccia reale"

Il direttore esecutivo Wolff non si fida di Maranello: "Il Mondiale è ancora lungo, potrebbero essere ancora più forti"

Un primo piano di Toto Wolff

Mercedes F1 – La brutta gara in Ungheria ha creato un po’ di allarme in casa Mercedes: le frecce d’argento sono sempre la miglior monoposto in pista, ma possono venire battute, se commettono errori o se non rendono al massimo delle proprie prestazioni. Ed il direttore esecutivo Toto Wolff mette in guardia i suoi: “Non abbiamo vinto niente, la Ferrari è una minaccia reale”.

Manca ancora una settimana e mezza al ritorno in pista, in un Gp del Belgio molto atteso, per verificare se il trionfo di Vettel a Budapest è stato solamente un caso, oppure un trend che potrebbe invertirsi, rendendo la rossa competitiva per il titolo. “La Ferrari potrebbe essere ancora più forte dopo la pausa estiva”, ripete a Motorsport.com.

Per questo motivo, il team tedesco è tornato al lavoro per sviluppare la propria monoposto e mantenere quel vantaggio visto nel corso dell’intero campionato sulle rivali. Sono 42 i punti di vantaggio di Hamilton su Vettel, ma Wolff non si fida: “Il Mondiale è molto lungo, ma l’ultimo ko ci è servito. Abbiamo accelerato lo sviluppo e fissato obiettivi più aggressivi”.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail