Le Mans: Audi aperta alle soluzioni di propulsione alternativa

Audi R18

Audi ha annunciato che la R18 è praticamente pronta ad accogliere sistemi di propulsione alternativa, precisando che queste soluzioni non si limiteranno a dispositivi analoghi al KERS, ma contempleranno anche e soprattutto qualcosa di più vicino alle auto di normale produzione. "La nostra idea è fondamentalmente quella di elettrificare in maniera graduale l'R18", ha affermato Michael Dick, responsabile ricerca e sviluppo Audi.

"Tuttavia adotteremo le tecnologie necessarie a percorrere questo cammino solo quando saranno pronte anche per le auto di serie", ha concluso il manager. Il responsabile motori di Audi Sport Ulrich Baretzky, dal canto suo, ha affermato che "una delle ragioni per cui è stato adottato un V6 sull'R18, è che volevamo abbastanza spazio per integrare sistemi di recupero dell'energia di qualunque forma o tipo".

"L'energia diventerà sempre più preziosa di quanto non lo è stata in passato. Dovremo cambiare i nostri modi di concepirla ed usarla. Questo discorso è valido anche per la F1, e bisogna riconoscere a Jean Todt di essere stato molto coraggioso nell'insistenza sul debutto dei piccoli turbo nel 2013. Il pubblico perderà interesse nello spreco d'energia e nella noiosa negligenza verso le necessità odierne".

Usare il nostro ruolo nel motorsport per mostrare tecnologie possibili anche sulle auto di serie, è una precisa responsabilità che abbiamo nei confronti degli spettatori. Comunque, non piace usare la parola "ibrido". Preferisco pensare a un sistema di recupero dell'energia che racchiuda più tecnologie in grado di migliorare l'efficienza dei motori. Il KERS è solo una di queste, sicuramente non l'unica, e probabilmente nemmeno la migliore".

Via | Autosport

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: