Il circuito di Istanbul diventa un concessionario

La Formula 1 corse ad Istanbul fra il 2005 ed il 2011. Felipe Massa si aggiudicò tre edizioni.

L'ultimo podio in Turchia

Divergenze su questioni economiche hanno portato Bernie Ecclestone ad escludere dal calendario il circuito di Istanbul, ultimato nel 2005 e noto come Istanbul Speed Park. Era il 2011. Da allora la capitale dei tre imperi ha ospitato solamente i bolidi della Superbike (2013), dopo aver perso anche la MotoGP (2005-2007) e la GP2 (2009).

Il fallimento della pista turca viene certificato da quanto scrive il sito Today's Zaman: l’autodromo è stato riconvertito in gigantesco concessionario di automobili usate. L’inaugurazione è fissata per mercoledì 9 settembre. I responsabili della struttura hanno optato per il nome İstanbul Park Auto Market e confidano di vendere 25.000 automobili l’anno, necessarie per rendere sostenibile l’investimento: l’impianto è stato noleggiato per 10 anni e dovrebbe garantire ricavi complessivi pari ad 1 miliardo di lire turche (300 milioni di euro).

Cevat Kabataş, responsabile vendite della società concessionaria, ha spiegato alla stampa turca che l’impianto potrà contenere fino ad un massimo di 3.100 vetture. Nella struttura verranno ricavate anche un’officina ed una carrozzeria. Il circuito era costato 300 milioni di dollari. Ci hanno vinto Felipe Massa (in tre occasioni), Kimi Raikkonen, Jenson Button, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: