F1, Verstappen: I videgiochi mi hanno aiutato a sorpassare

Il 17enne olandese ha compiuto due gran sorpassi a Spa ed a Monza.

Uno immagina che i piloti di Formula 1 si allenino in strutture all’avanguardia, con macchinari sofisticati, impugnando il volante all’interno di simulatori che riproducono nel dettaglio varie situazioni di gara. Nulla sembra lasciato all’improvvisazione. Ed poi scopri che questa ricostruzione viene influenzata nel suo piccolo dalla cosiddetta variabile impazzita, quella che gli ingegneri non sono capaci di governare: i videogiochi.

Lo ha ammesso Max Verstappen, pilota 17enne della scuderia Toro Rosso, secondo cui gli è stato possibile mettere in pratica un gran sorpasso dopo averlo effettuato nel corso di un Gp virtuale: il giovanissimo pilota olandese è solito giocare al videogioco Redline, noto per il dettaglio elevatissimo della sua grafica e delle varie situazioni di gara. “Mi è utile perché in tal modo capisco quanto spazio c’è in pista – spiega Verstappen –. Penso che mi abbia aiutato. Mi sono allenato per Spa e Monza ed entrambe le volte ho ottenuto risultati positivi. Su Redline ho compiuto lo stesso sorpasso ai danni di Nasr”.

Lewis Hamilton ha confessato invece di non trovarsi a proprio agio davanti ad un monitor Una immagine di Verstappen , preferendo compiere una manovra in base alla proprie sensazioni e non all’esperienza accumulata con un joypad in mano.

Great news for us again!! Dutch Superstar Max Verstappen has joined us, after an incredible rise in real racing, Max...

Posted by Team Redline on Mercoledì 29 luglio 2015
Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 82 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO