F1: Hamilton, la festa iridata può arrivare ad Austin

L'inglese dovrà fare 9 punti più di Vettel e 2 più di Rosberg per conquistare il secondo titolo mondiale consecutivo

Lewis Hamilton

F1 – La prima festa è andata in archivio, con il titolo costruttori alla Mercedes arrivato in ‘differita’, dopo la penalizzazione di Kimi Raikkonen, ora Lewis Hamilton è pronto ad esultare per il secondo mondiale piloti consecutivo. Dopo il ritiro di Nico Rosberg, ormai appare solamente una questione numerica, che potrebbe essere risolta già tra due settimane ad Austin.

Il pilota inglese ha, rispettivamente, un vantaggio di 66 punti su Sebastian Vettel e di 73 sul compagno di squadra, quando mancano quattro gare alla fine. Dopo il Gp degli Stati Uniti, saranno solamente 75 i punti in palio (quest’anno non c’è il doppio punteggio all’ultima gara) e, dunque, ad Hamilton basterà fare 9 punti in più del ferrarista e 2 più di Nico per festeggiare.

Se l’inglese arriverà davanti a Rosberg (escluso un 9° posto con il tedesco 10°), eliminerà aritmeticamente il compagno di squadra dalla corsa al titolo, mentre servirà qualche conto in più nei confronti di Vettel. Se Hamilton vincerà la gara, deve sperare il ferrarista non faccia meglio della terza posizione per poter indossare la corona iridata, altrimenti Seb dovrà arrivare nelle retrovie.

Hamilton campione se arriva davanti a Rosberg e:

- Vince e Vettel è 3°
- Chiude secondo e Vettel è 6°
- Chiude terzo e Vettel è 7°
- Chiude quarto e Vettel è 9°
- Chiude quinto e Vettel è 10° o fuori dalla zona punti

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail