F1, Mercedes denuncia Benjamin Hoyle: dal 2016 sarà in Ferrari

L'ingegnere inglese è accusato di aver sottratto parametri relativi alla power unit Mercedes, a cui lavora dal 2012.

Wolff e Hamilton a colloquio

La scuderia Mercedes ha citato in giudizio l’ingegnere Benjamin Hoyle con l’accusa di illecita sottrazione di dati e documenti riservati. La notizia è riportata dall’agenzia Bloomberg e viene rilanciata da Tuttosport, secondo cui un rapporto della Mercedes AMG High Performance Powertrains – datato 19 ottobre ma rilasciato ieri – testimonia che l'ingegnere si sarebbe appropriato dei parametri relativi alla power unit e a un report sulla gara del 2015 in Ungheria, oltre ai codici necessari per decifrare la telemetria delle frecce d'argento.

L’episodio è significativo non soltanto per i suoi risvolti, ma perché Hoyle entrerà in Ferrari già a partire dal 2016: qui lavorerà nella squadra capitanata dall'ing. Mattia Binotto, che occupa la posizione di Direttore delle Operazioni Power Unit. Hoyle venne assunto in Mercedes nel 2012 ed ha lavorato da allora nella squadra impegnata per sviluppare la power unit. Il rapporto presentato da Mercedes spiega come le azioni di cui è accusato Hoyle “sono state calcolate per distruggere o danneggiare seriamente il rapporto di fiducia” che intercorre con Mercedes. “Il signor Hoyle e potenzialmente anche la Ferrari hanno acquisito un vantaggio illecito”. Tuttosport rivela inoltre come

La Mercedes si è allertata poco dopo aver saputo che Hoyle intendeva unirsi alla Ferrari e lo ha riassegnato a compiti estranei alla Formula 1. Gli è stata cambiata l'email e i dati sono stati rimossi dal suo computer. Nonostante la nuova assegnazione, però, l'ingegnere sarebbe stato scoperto mentre studiava i resoconti delle gare impossessandosi dei dati e poi avrebbe cercato di cancellare i file.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail