F1, Marchionne: Vettel più ferrarista di Alonso

Il presidente del Cavallino auspica che Ferrari possa conquistare il titolo 2016, in maniera da "punire" l'arrogana del presidente Mercedes.

Marchionne e Arrivabene

Sergio Marchionne ha tracciato un rapido parallelismo fra Sebastian Vettel e Fernando Alonso, lodando il pilota tedesco per la sua abnegazione e per il suo spirito di gruppo. “Sabato, in occasione del pranzo con i dipendenti, Sebastian ha tenuto un discorso tutto in italiano che probabilmente ha imparato a memoria, con la stessa genuina spontaneità dei bambini che studiano la poesia per Natale – racconta il presidente dell’azienda di Maranello –. Debbo dire che Alonso in uscita non è stato ferrarista quanto lo è stato Vettel all'inizio di quest'anno”.

Marchionne ha usato parole al miele anche nei confronti di Kimi Raikkonen, meno fortunato di Vettel ma autore comunque di una stagione positiva. “Il suo Mondiale è stato come un film, con un primo ed un secondo tempo. Nella seconda parte è stato efficace, velocedice Marchionne a La Gazzetta dello Sport –. Sabato mi ha fatto vedere le foto di suo figlio. Mi è sembrato un padre orgoglioso. Questa nuova dimensione lo ha cambiato in meglio e sono sicuro che lo dimostrerà nel 2016”.

Il manager detta poi le linee guida in vista del prossimo campionato, che Ferrari dovrà iniziare dimostrandosi competitiva e battagliera. “Siccome spesso abbiamo perso il campionato in inverno – spiega il presidente –, dobbiamo vivere questi tre mesi nel terrore che i nostri avversari possano aver fatto un lavoro migliore”. Marchionne rivolge poi un pensiero a Dieter Zetsche, presidente della Mercedes, giudicato arrogate per alcuni commenti rivolti al Cavallino. “Anche se c è un ottimo rapporto con Zetsche, ricordo che c era sempre un po' di arroganza quando parlava di Ferrari con me – spiega Marchionne –. Un po' l'ha persa, ma mica tanto visto che ha rivinto il mondiale. Dobbiamo fargliela passare del tutto”.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail