F1, Hamilton: Lauda non era mio fan

Hamilton spende parole al miele anche per Toto Wolff, che indiscrezioni volevano in rotta di collisione con Lauda.

Un primo piano di Lewis Hamilton

Lewis Hamilton ritiene che Niki Lauda non simpatizzasse per lui agli esordi della sua carriera, quando a malapena lo conosceva e voleva solo di rado parlargli assieme. “Niki non era un mio grande fan quando debuttai in Formula 1 – ha confessato il pilota inglese della Mercedes –. Non mi conosceva, e non ci siamo mai davvero presentati e parlati”.

Il loro rapporto cambia però a metà 2012, qualche mese prima del suo arrivo in Mercedes. “In quel momento ebbe inizio la nostra relazione – continua il tre volte iridato –. Ci piacciono lo stesse cose, siamo molto simili in diversi aspetti. Da quel momento è diventato uno fra i miei tifosi più affezionati all’interno del team, motivo per cui gli sono molto riconoscente”.

Hamilton commenta poi le indiscrezioni emerse sul finire della scorsa stagione, quando sembrava che Lauda e Toto Wolff fossero entrati in rotta di collisione. “Dobbiamo pensare che arriverà un momento in cui Niki non sarà più un elemento della scuderiaprosegue Hamilton, intervistato da Autosport –. Fino ad allora resterà una figura fra le più influenti e rispettate. Lo stesso vale per Toto. Non possiamo considerarci più fortunati ad averli entrambi nella scuderia”. Lauda è presidente della scuderia Mercedes, mentre Wolff ne è il team manager.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: