F1, la Fia conferma il divieto dell'ala mobile all'Eau Rouge

eau rouge

La Fia, come già ventilato in questi giorni, vieterà l'uso del DRS all'Eau Rouge, considerata a ragione uno dei tratti più belli dell'intero calendario di Formula 1. E' stata la stessa federazione a rendere pubblica la scelta, che impedirà ai piloti di usare l'ala posteriore mobile in quel segmento della pista di Spa-Francorchamps durante le prove libere e le qualifiche.

L'organo guidato da Jean Todt viene così incontro alle richieste di molti protagonisti del Circus, che consideravano rischioso l'uso del dispositivo nella veloce curva. Hanno dunque prevalso il buonsenso e le ragioni della sicurezza. Non è la prima volta che la soluzione aerodinamica viene interdetta nel corso della stagione 2011. In precedenza lo stesso provvedimento aveva riguardato Monaco, dove il DRS era stato vietato nel tunnel.

Il divieto previsto per la sfida del Belgio non fa ovviamente riferimento alla gara, perché nella giornata di domenica l'unico tratto dove sarà ammesso l'uso dell'ala posteriore mobile si troverà in posizione planimetrica più avanzata. A differenza di tanti colleghi, Vitantonio Liuzzi crede che la decisione della Fia sia eccessiva, perché nel circuito delle Ardenne non sussiste la stessa situazione di potenziale pericolo del tunnel di Montecarlo: "Lì un incidente poteva generare un quadro davvero critico. Nella Eau Rouge è diverso: non c'è un tetto e non ci sono piloni. Le vie di fuga sono ampie, quindi si potrebbero generare al massimo dei normali incidenti di gara, senza particolari conseguenze".

Via | Thef1times.com

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: