GP Malesia F1 2016: doppietta Red Bull, poi Rosberg e Raikkonen

Dopo le qualifiche di Sepang non c’erano tanti dubbi sulla piega che avrebbe dovuto prendere la gara, ma in Formula 1 niente è scontato.

KUALA LUMPUR, MALAYSIA - OCTOBER 01:  Sparks fly behind Daniel Ricciardo of Australia driving the (3) Red Bull Racing Red Bull-TAG Heuer RB12 TAG Heuer on track during qualifying for the Malaysia Formula One Grand Prix at Sepang Circuit on October 1, 2016 in Kuala Lumpur, Malaysia.  (Photo by Clive Mason/Getty Images)

GP Malesia F1 2016 - Esito a sorpresa per la sfida di Sepang, che si chiude con una doppietta Red Bull. Ricciardo sul gradino più alto del podio, davanti al compagno di squadra Verstappen. Poi Rosberg e Raikkonen, con l’unico “cavallino rampante” rimasto in gara.

Al via Hamilton tiene la prima piazza, quando un contatto coinvolge Verstappen, Vettel e Rosberg. Il pilota tedesco della Ferrari è costretto al ritiro per la rottura della sospensione della sua “rossa”, dopo aver speronato la Mercedes del connazionale, mandandola in testacoda e spedendola nelle retrovie. Virtual Safety Car in pista, mentre alla spalle del leader ci sono Ricciardo, Perez, Raikkonen e Verstappen. Questi ultimi, poco dopo, superano il messicano, guadagnando una posizione nella classifica provvisoria.

Al quarto giro Rosberg è già dodicesimo, in forte rimonta. La sua rincorsa continua, con un’ascesa molto fruttuosa: al diciottesimo passaggio è già sesto. Quando la conta delle tornate è al numero 22, il gioco dei pit stop rimescola le carte, consegnando a Verstappen il comando della classifica, davanti ad Hamilton, Ricciardo, Raikkonen e Rosberg.

Hamilton spinge come un forsennato, segnando giri molto veloci, con tempi più bassi di quelli degli altri. Anche Rosberg è scatenato. Al trentaseiesimo giro il tedesco della Mercedes scavalca Raikkonen e si insedia in quarta posizione. Colpo di scena qualche minuto dopo, perché dalla “freccia d’argento” di Hamilton esce fuoco dal posteriore. Inevitabile il ritiro per lui. Comprensibile la delusione dell’asso di Stevenage, che non pensava a un esito del genere. Ora per lui il discorso iridato rischia di farsi molto più difficile.

Nuova Virtual Safety Car. Alla sua uscita, in testa alla classifica c’è Ricciardo, seguito da Verstappen e Rosberg. Il gioco comincia a farsi duro, ma Rosberg vede complicare la sua situazione da dieci secondi di penalità inflitti per il sorpasso su Raikkonen. Per lui è nuovo carburante, che scatena la sua grinta, con un giro molto veloce. In testa alla classifica Ricciardo governa le danze con 1”7 di margine su Vertappen. Il ritardo di Rosberg supera i 20”, cui vanno aggiunti quelli della penalità. La geografia dei valori si conserva fino alla bandiera a scacchi, con un successo insperato della Red Bull di Ricciardo, davanti all'auto gemella del compagno di squadra Verstappen. Terzo, dopo una grande rimonta, Nico Rosberg, che allunga in classifica iridata su Hamilton.

GP Malesia F1 2016, ordine d'arrivo

01. Ricciardo - Red Bull 56 giri
02. Verstappen - Red Bull +2"443
03. Rosberg - Mercedes +25"516
04. Raikkonen - Ferrari +28"785
05. Bottas - Williams +1'01"582
06. Perez - Force India +1'03"794
07. Alonso - McLaren +1'05"205
08. Hulkenberg - Force India +1'14"062
09. Button - McLaren +1'21"816
10. Palmer - Renault +1'35"446

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail