Ferrari, Massa: "Importante fare il nostro lavoro alla perfezione"

massa

L'autodromo di Monza si appresta ad ospitare il Gran Premio d'Italia di Formula 1, che potrebbe chiudere il sipario sulla stagione 2011. Ciò potrebbe verificarsi nell'ipotesi di una doppietta Red Bull, con consolidamento del vantaggio di Sebastian Vettel in classifica conduttori, dove la rimonta per gli altri diventerebbe ancora più difficile di quanto non lo sia adesso.

Gli avversari tenteranno di impedire il realizzarsi di questo scenario, dando fondo alle loro energie nella sfida brianzola, per evitare un'ulteriore fuga in avanti del team di Milton Keynes. Una delle squadre più agguerrite sarà la Ferrari, desiderosa di ben figurare davanti al pubblico di casa.

Gli uomini del "cavallino rampante", che considerano come una finale ogni corsa ancora in calendario, puntano in alto nella gara alle porte, dove sperano di conseguire una brillante performance, capace di ripagare gli sforzi dei tecnici e l'affetto dei tifosi, espresso a Monza con un tripudio di bandiere rosse. Sappiamo che Fernando Alonso si augura la vittoria, ma anche Felipe Massa punta in alto.

Il pilota brasiliano vuole fare meglio del terzo posto dello scorso anno. In attesa di vedere se ci riuscirà, vediamo cosa ha scritto ieri nel blog ufficiale Ferrari:

Dopo il Gran Premio del Belgio ho trascorso un po' di tempo in azienda per prendere parte ad alcune riunioni e lavorare al simulatore. Poi ho fatto rientro a casa, a Monaco. Oggi sono tornato a Maranello per un evento promozionale e la prima mondiale della 458 Spider.

Ora sono concentrato su Monza. Non vedo l’ora che arrivi questo fine settimana, inutile dirlo. La mia prima volta al Gran Premio brianzolo è stata nel 2000, con la Formula Renault. Ormai sento l’Italia come il mio Paese, in parte per le mie origini, perché mio nonno è nato nel Sud della Penisola, il resto perché la mia famiglia ha sempre seguito tradizioni italiane anche in Brasile.

Questo ha reso naturale il mio spostamento verso l’Italia per proseguire nella mia carriera e realizzare il sogno di diventare un pilota di Formula 1. Ricordo quando tutti mi dicevano di andare a correre in Inghilterra, altrimenti non sarei mai diventato un pilota del Circus. Ho scelto un percorso diverso, ed oggi penso che sia stata la scelta giusta, perché non sono solamente diventato un driver da Gran Premio, ma anche un pilota Ferrari.

L’Italia è un Paese che amo e dove mi piace andare, soprattutto in occasione della corsa di Monza. Oltre ad essere un luogo importante per la mia vita, il fatto che questa è la gara di casa per la mia squadra la rende un appuntamento davvero speciale.

Ricordo ancora la mia prima volta a Monza: ho disputato due gare in Formula Renault, una al sabato per la serie italiana ed una la domenica per il Campionato Europeo, vincendole entrambe. Quella non è stata la mia prima gara nel Belpaese: la prima è stata al Mugello ed anche lì ho vinto. Quando sono venuto per la prima volta in Italia ho vissuto un anno a Erba, vicino Monza, per essere vicino alla squadra per cui correvo, abitando in casa del responsabile del team. Ecco perché questa per me rappresenta la seconda gara di casa, con un paddock dove incontro tante persone che fanno parte del mio passato.

Tornando all’attualità per noi questo è un fine settimana davvero importante, non perché rappresenti l’ultima possibilità per poter cambiare le cose, ma per poter regalare a noi stessi, alla squadra e soprattutto ai tifosi un grande risultato. Spa non è stata un’esperienza fantastica e le temperature fredde hanno accentuato il problema che abbiamo con le gomme: per questo weekend avremo gli stessi set a disposizione ma confidiamo in temperature più miti.

Avremo bisogno di una macchina con una buona velocità di punta. Come le altre squadre avremo un set up specifico per Monza a basso carico aerodinamico, con ali piccole, e nelle prove libere dovremo assicurarci di avere una macchina ben bilanciata con una buona trazione che ci permetta uscire velocemente dalle chicane lente ed affrontare i cordoli, fattori vitali per fare un giro veloce soprattutto in qualifica.

Per quanto riguarda la gara penso che vedremo molti sorpassi , poiché ci troviamo su una pista ad alta velocità con due punti in cui è possibile utilizzare il DRS. Non sto dicendo che è un vantaggio essere dietro al tuo avversario quando entri nella Parabolica, per superarlo all’ultimo giro, perché se hai una buona macchina probabilmente la strategia migliore è passarlo prima in modo da stabilire un gap maggiore di un secondo. Tuttavia, se si lotta fino all’ultimo giro, e questo potrebbe essere il caso, la gara sarebbe estremamente emozionante.

A questo punto della stagione non è difficile prevedere che Scuderia Ferrari, McLaren ed ovviamente Red Bull saranno i principali contendenti. Tuttavia anche la Mercedes ha dimostrato di avere forse la migliore velocità massima sul rettilineo, cosa che su questo circuito conta molto e che potrebbe influenzare il risultato della gara.

Monza è l’ultimo fine settimana di gare in Europa e poiché questa stagione non è stata troppo positiva per noi sarà ancora più importante fare il nostro lavoro alla perfezione e cercare di ottenere quel risultato che noi e tutti i tifosi vogliamo e meritiamo. Da parte mia non vedo l’ora di varcare gli storici ingressi del Parco di Monza giovedì mattina ed iniziare a guidare venerdì, cercando di ottenere più del terzo posto dello scorso anno. Guardare la folla dei tifosi in piedi su quell’incredibile podio sospeso sulla pit-lane è un’emozione fantastica che voglio ripetere domenica.

Via | Ferrari.com

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: