Ferrari, Alonso: "Non si possono fare miracoli, ma ce la mettermo tutta"

alonso

Le prime due sessioni di prove libere del Gran Premio d'Italia di Formula 1 non hanno sortito dei risultati cronometrici brillanti per la Ferrari, ma le "rosse" hanno completato il lavoro messo in programma dai tecnici, con 625 chilometri all'attivo.

Il miglior tempo del confronto pomeridiano è finito nelle mani di Sebastian Vettel, che ha messo la sua Red Bull davanti alla McLaren di Lewis Hamilton e alla Mercedes di Michael Schumacher. Poi i due bolidi del "cavallino rampante" di Felipe Massa e Fernando Alonso, che hanno svolto una comparazione tre le due mescole e con diversi livelli di carico aerodinamico.

Ora si guarda alle prove odierne, in particolare alle qualifiche, da cui scaturirà l'assetto della griglia di partenza di questa nuova edizione della sfida brianzola. Alonso spera di far bene: "Correre a Monza è sempre emozionante, soprattutto se sei un pilota della Ferrari. Il calore del pubblico è eccezionale e si fa sentire. Faremo il possibile per regalare il sorriso ai nostri fans".

"Da un punto di vista tecnico -aggiunge lo spagnolo- è stato un venerdì come tanti altri: abbiamo lavorato tanto sia sul confronto fra diverse soluzioni aerodinamiche che sulla comparazione di differenti regolazioni dell’assetto. Ora dobbiamo mettere tutto insieme e cercare di fare le scelte giuste".

"Onestamente -conclude Alonso- ci manca un po’ di prestazione rispetto ai migliori, anche se restano le solite incognite del venerdì, in particolare quella relativa al quantitativo di benzina a bordo. Però dobbiamo essere realisti: la macchina è più o meno quella di Spa, fatti salvi gli aggiornamenti specifici per questa pista che richiede poco carico aerodinamico. Certo, sarebbe bello ripetere quanto accaduto lo scorso anno, ma siamo consapevoli che sarà molto difficile. Non si possono fare miracoli in due settimane, però ce la metteremo tutta per dare una gioia ai nostri tifosi".

Via | Ferrari.com

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: