WEC Silverstone: a Toyota la prima sfida 2017

Il team Toyota Gazoo Racing ha vinto la prima gara del campionato WEC 2017, davanti alle due Porsche

Dal regno del Motorsport d'oltremanica, da quel circuito che trasuda amore per le due e quattro ruote, il campionato mondiale Endurance, il WEC, ha dato il via alla sue edizione 2017. Silverstone, teatro del primo round iridato, è stato l'anfiteatro del trionfo di casa Toyota in questa sei ore avvincente e ricca di colpi di scena. Chi si attendeva un campionato ridimensionato per l'abbandono di Audi in LMP1 dovrà ricredersi: la casa nipponica ed i campioni in carica di Porsche hanno affilato le proprie armi e sembrano più agguerriti che mai.

Sopratutto Toyota ha colpito con un progresso prestazionale rispetto allo scorso anno, che ha permesso di raggiungere i rivali di Stoccarda. D'altro canto nel 2016 in Giappone avevano puntato praticamente tutto su quella sfortunata 24 ore di Le Mans, persa a quattro minuti dal termine, con un body kit incentrato proprio sulla maratona della Sarthe. Quest'anno, con una TS050 rinnovata ma non rivoluzionata, il team Gazoo si è presentato in grande forma. Dopo aver dominato prove e qualifiche, sembrava quasi una formalità la vittoria in gara, ma così non è stato. In una corsa condizionata anche dalle condizioni meteo variabili, con molti piloti bravi a tenere la propria vettura in pista sul bagnato con gomme da asciutto, le fasi conclusive si son rivelate fondamentali.

Proprio la strategia è stata determinante quando, nel finale, la Porsche numero 2 di Brendon Hartley, ha effettuato una sosta con solo rifornimento per risparmiare tempo. Una scelta non felicissima perchè Silverstone è molto severa con gli pneumatici. Ed è stato allora che Sebastien Buemi ha ripreso il neozelandese a quindici minuti dalla fine, centrando il successo dopo un bellissimo duello. Vince dunque la Toyota con il trio Buemi-Davidson-Nakajima, dopo che l'altra TS050 era andata ad impattare alla Copse con Jose Maria Lopez a forte velocità, rovinando pesantemente la vettura. L'argentino ha pizzicato il cordolo bagnato, andando per la tangente. Un colpo talmente forte che, nonostante lo stesso pilota sia riuscito a riportare ai box la propria auto, e nonostante la macchina non sia stata ritirata, ha attivato i sensori di allerta tanto che lo stesso Lopez è dovuto passare in ospedale per dei controlli. Destino differente per la Porsche numero 1 che aveva tentato l'azzardo delle intermedie. Una scelta che non ha pagato.

In LMP2 gran debutto per il team di Jacki Chan che conquista la vittoria di classe con Olivier Jarvis, Ho-Pin Tung e Thomas Laurent. Nella classe GTE-Pro, vittoria per la Ford del team Ganassi. Una vittoria mai veramente in discussione, con il team di Andy Priaulx ed Harry Tincknell, con Pipo Derani primi sotto la bandiera a scacchi davanti alla Ferrari 488 di Alessandro Pier Guidi e Toni Vilander. Terza la Porsche di Fred MAkowiecki e Richard Lietz.

(articolo a cura di Flavio Atzori)

WEC Silverstone 2017: ordine d'arrivo

01. Buemi/Davidson/Nakajima (Toyota TS050 - Hybrid) - Toyota - 197 giri
02. Bernhard/Bamber/Hartley (Porsche 919 Hybrid) - Porsche - 6”173
03. Jani/Lotterer/Tandy (Porsche 919 Hybrid) - Porsche - 46”956
04. Tung/Jarvis/Laurent (Oreca 07-Gibson) - DC Racing - 13 giri
05. Canal/Prost/Senna (Oreca 07-Gibson) - Rebellion - 13 giri
06. Perrodo/Vaxiviere/Collard (Oreca 07-Gibson) - TDS - 13 giri
07. Lapierre/Menezes/Rao (Alpine A470 - Gibson) - Signatech - 14 giri
08. Rusinov/Thiriet/Lynn (Oreca 07-Gibson) - G-Drive - 14 giri
09. Graves/Hirschi/Vergne (Oreca 07-Gibson) - Manor - 14 giri
10. Gonzalez/Trummer/Petrov (Oreca 07-Gibson) - Manor - 15 giri
11. Cheng/Brundle/Gommendy (Oreca 07-Gibson) - DC Racing - 15 giri
12. Beche/Hansson/Piquet (Oreca 07-Gibson) - Rebellion - 25 giri
13. Priaulx/Tincknell/Derani (Ford GT) - Ganassi - 26 giri
14. Calado/Pier Guidi (Ferrari 488 GTE) - AF Corse - 26 giri
15. Lietz/Makowiecki (Porsche 911 RSR) - Porsche - 26 giri
16. Mücke/Pla/Johnson (Ford GT) - Ganassi - 26 giri
17. Rigon/Bird (Ferrari 488 GTE) - AF Corse - 27 giri
18. Thiim/Sørensen/Stanaway (Aston Martin VANTAGE) - Aston Martin - 27 giri
19. Turner/Adam/Serra (Aston Martin VANTAGE) - Aston Martin - 29 giri
20. Mok/Sawa/Griffin (Ferrari 488 GTE) - Clearwater - 31 giri
21. Dalla Lana/Lamy/Lauda (Aston MartinVantage) - Aston Martin - 31 giri
22. Ried/Cairoli/Dienst (Porsche 911) - Dempsey-Proton - 31 giri
23. Conway/Kobayashi/Lopez (Toyota TS050 - Hybrid) - Toyota Gazoo - 38 giri
24. Wainwright/Barker/Foster (Porsche 911) - Gulf Racing - 54 giri
25. Flohr/Castellacci/Molina (Ferrari 488 GTE) - AF Corse - 32 giri
26. Webb/Kraihamer/Rossiter (ENSO CLM P1/01-Nismo) - Bykolles - 42 giri
27. Christensen/Estre (Porsche 911 RSR) - Porsche - 102 giri

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 4 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO