F1, Button: "Non sottovalutate la McLaren in Giappone"

jenson_button_2011

Il messaggio alla Red Bull doveva essere forte e chiaro: avrete pure la matematica dalla vostra, ma noi non molleremo fino all'ultimo millimetro. Jenson Button, unico concorrente rimasto in lizza per il Mondiale di F1 oltre a Sebastian Vettel, mette tutte le sue speranze di vittoria finale in un misero punticino iridato. Ma non per questo -anzi- rinuncia ad un approccio estremamente combattivo per il prossimo -e forse decisivo- GP del Giappone.

"Nelle ultime gare abbiamo dimostrato di avere un ottimo passo e di essere il team più abile nel combattere lo strapotere della Red Bull. Sulla carta, Suzuka è un circuito favorevole a loro, particolarmente nei veloci cambi di direzione del primo settore, ma nessuno deve sottovalutare il nostro pacchetto", ha affermato l'inglese.

"A Spa abbiamo già fatto vedere che abbiamo una vettura molto efficace sui curvoni veloci: adesso abbiamo migliorato la velocità sul dritto e disponiamo di un'ala migliore per le qualifiche, quindi siamo ottimisti per il weekend".

Anche Hamilton parte per il Giappone con un approccio ottimista: "Suzuka è una pista che richiede una guida aggressiva per ottenere buoni tempi sul giro: è un tracciato senza compromessi. Ed è proprio in posti del genere che puoi sentire ancora tutta l'esaltazione di guidare una Formula 1, quando sai che non ti puoi permettere un singolo errore e quando guidare al limite assoluto è l'unico modo per fare il tempo".

"In questo senso assomiglia molto a Montecarlo, e in fondo la ragione per cui mi piace è proprio questa: è una pista unica. Ci stiamo avvicinando al GP in buona forma: sappiamo che le Red Bull andranno forte, ma anche noi avremo una macchina molto veloce, in grado di lavorare bene su molti tipi di circuito", ha concluso Lewis.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: