CIR Rally San Marino 2017: Andreucci fa il bilancio della gara Peugeot

La casa del "leone rampante" ha chiuso in piazza d'onore la corsa nella Serenissima Repubblica.

peugeot-andreucci.jpg

Il 45° Rally San Marino si è chiuso con il successo di Umberto Scandola. Secondo posto al traguardo per la Peugeot, che ha chiuso in piazza d'onore con la 208 T16 di Paolo Andreucci.

Il pluricampione tricolore, partito nella seconda tappa con un quarto posto in classifica, ha recuperato terreno prezioso in corso d'opera, guadagnando punti importanti nella prospettiva titolo, con un allungo in classifica generale su Simone Campadelli, suo più diretto inseguitore.

Gli uomini della casa francese sono concentrati sul doppio successo nel Campionato Italiano Rally e faranno il possibile perché la prospettiva si concretizzi, partendo dall'attuale condizione favorevole. Da segnalare l'ottima giornata per Marco Pollara: il pilota della squadra junior ha chiuso in prima posizione generale nel relativo campionato, dando prova, ancora una volta, della sua stoffa. Come se non bastasse, ha concluso il rally al decimo posto assoluto.

Ecco le parole di Andreucci al termine della gara:

Un bel rally ma anche molto difficile per noi, con un percorso che si è deteriorato non poco al passare dei concorrenti. Nell'ultima tappa abbiamo toccato più volte sul fondo dell'auto ed abbiamo anche ferito il paraurti posteriore in una curva affrontata col coltello fra i denti. Questo mi ha permesso di risalire in classifica e concludere con un po' di fortuna al secondo posto. Mi ritengo soddisfatto, anche della macchina che, ancora una volta, ha dato prova di sé con una prestazione di livello. Sul lato gomme, poi, mi sono sentito a mio agio con le scelte fatte e Pirelli, come sempre, è stata al mio fianco. Un secondo posto che mi soddisfa, viste le difficoltà affrontate.

Foto © Automobiles Peugeot

  • shares
  • Mail