Coppa Italia, al Mugello Borrett subito protagonista

Con ventuno auto al via scatta al Mugello Circuit la stagione 2018 della Coppa Italia Turismo.

Di N.M.B.
Con ventuno auto al via scatta al Mugello Circuit la stagione 2018 della Coppa Italia Turismo. Si riparte nel segno del campione della edizione 2017, ovvero Federico Borrett, che con la poderosa Bmw M3 E36 conquista subito il successo nella prima manche sconfiggendo il nutrito drappello di TCR iscritte. Dal secondo al quinto posto è una sequela di Seat Leon con in seconda posizione la vettura di Matteo Bergonzini.

Al terzo posto su una Seat della RS+A c’è Alberto Biraghi che tenta fino all’ultimo di tenere il passo della Leon schierata dalla BF Motorsport. La squadra romagnola soccombe anche nel duello per il quarto posto che va al veterano Filippo Vita davanti a Daniele Verrocchio. Sfigura in parte la nuova Honda Civic 2018 che la MM Motorsport schiera per Fabio Fabiani e Samuele Piccin, chiudendo la prima manche soltanto sesta. Ancora in rodaggio invece la Audi RS3 LMS di Riccardo Ruberti, che precede la Seat Leon di Omar Fiorucci e la Bmw 320 WTCC di Massimiliano Milli.

A chiudere la Top Ten assoluta è Luigi Bamonte con la seconda Civic della MM Motorsport. In Seconda Divisione subito vittoria per Raffaele Lissignoli che dal rischio di saltare la corsa toscana per il ritardo nell’arrivo di un ricambio passa al trionfo con la Renault Clio davanti alla Honda Civic di Camilo Piccin ed alla Bmw M3 E36 di Stefano Tassi. La vettura della ATI Cars è la sola a terminare la prima manche a causa del ritiro per noie all’acceleratore e poi al differenziale di Pierpaolo Pietrini con la M3 divisa con Rosario Sapuppo e del forfait già in qualifica, per rottura del motore, della vettura di Lorenzo Capecchi.

Marco De Dominicis, all’esordio con la Seat Ibiza Tdi di Giovanni Grasso, conquista il successo tra le Racing Start finendo alle spalle della Abarth 595 di Alfredo Di Cosmo e della Renault New Clio di Pierre Scarpellini. Nella seconda manche partono diciannove vetture e, malgrado una immediata neutralizzazione, Borrett vira nuovamente al comando. Tutto storto per Ruberti che compie un errore ripartendo in fondo al gruppo. Dopo pochi giri anche Bamonte è costretto alla rimonta dopo avere a propria volta compiuto uno svarione, intanto Borrett contiene Biraghi, Barbolini subentrato a Bergonzini e Verrocchio.

Per il quinto posto è lotta durissima tra Fabiani e Milli mentre c’è un po’ di animazione per evitare l’ultimo posto con alcuni sorpassi e controsorpassi tra De Dominicis e Di Cosmo. Alla fine è il veterano abruzzese ad avere la meglio. Alberto Fumagalli riscatta l’onore di famiglia dopo il ritiro di Riccardo in prima manche e si installa in settima posizione con la Bmw M3 E92 curata dagli uomini di patron Bruno Simoncelli. Il tempo di gara scade e Borrett conquista una perentoria doppietta ai danni di Biraghi e Verrocchio che chiudono il podio. Barbolini conquista la medaglia di rame davanti a Fabiani, Milli, Alberto Fumagalli, il rimontante Ruberti e Mariano Bellin in campo con la Seat Leon divisa con Carlino Ranzato.

Decimo con la Seat Leon della BF Mariano Maglioccola davanti alla vettura di Alessandro Revello subentrato a Filippo Vita. Fabrizio Montali, costretto al ritiro nella prima manche con la sua Bmw 320, guadagna il dodicesimo posto assoluto davanti al rimontante Bamonte, riuscito in extremis a scalzare Lissignoli. Quest’ultimo dal canto suo va ancora a segno in 2.Divisione davanti a Rino De Luca, subentrato a Camilo Piccin sulla Honda Civic Type-R. Il podio di Divisione lo completa Tassi con la M3 E36 davanti a Di Cosmo e De Dominicis. Si riscatta Rosario Sapuppo della Scuderia Etna che ottiene con la M3 E36 la vittoria in classe SP1 della Prima Divisione. Prossima gara della Coppa Italia a Misano la prima Domenica di Maggio.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO