Coppa Italia, Borrett KO e trionfa D'Aste

Lissignoli trionfa in 2.Divisione

campionato-turismo-peroni.jpeg

Seconda tappa della Coppa Italia Turismo 2018 al Misano World Circuit e subito grande sorpresa in prima manche con la collisione che elimina la Bmw M3 E36 di Federico Borrett. Il triestino è costretto a posteggiarsi fuori pista con il paraurti anteriore danneggiato e non prende parte alla seconda manche. Si avvantaggia in tale maniera un nuovo arrivo nella serie, Stefano D'Aste, che trionfa in entrambe le manche con la sua Lotus Elise Cup PB-R. In prima manche alle sue spalle termina Matteo Bergonzini, dopo una prova di forza con la sua Seat Leon Cup Racer curata dalla BF Motorsport. Penalizzato di tre secondi per il mancato rispetto dei limiti di pista, Bergonzini riesce ad avere la meglio sulla Bmw M3 E92 di Riccardo Fumagalli. Ai piedi del podio termina la Bmw 320i di Fabrizio Montali davanti alle Seat Leon Cup Racer di Daniele Verrocchio ed Alberto Biraghi. Con la seconda Lotus Elise Cup PB-R in gara, Maurizio Fortuna chiude in settima posizione. La 2.Divisione arride al lombardo Raffaele Lissignoli irraggiungibile con la Renault Clio. Secondo posto per la Bmw M3 E36 che la Ati Car schiera per l'emiliano Stefano Tassi, riuscito ad avere la meglio sulla Honda Civic Type-R di Rino De Luca e le Renault New Clio di Pierluigi Scarpellini ed Antonio Marsilia, quest'ultimo esordiente nel campionato. Anche l'altra Bmw M3 E36 in gara, iscritta in 1.Divisione 24h Special 3.0 e pilotata da Pierpaolo Pietrini, compie una buona gara terminando dodicesimo assoluto, alle spalle della Seat Leon Cup Racer di Alessandro Revello. Nella seconda manche manca all'appello anche Alex Caramaschi appiedato da noie meccaniche alla Seat Leon del Team Piloti Forlivesi. Nei primi giri c'è una mischia tra Verrocchio, Fabio Fabiani subentrato a Samuele Piccin sulla Honda Civic Type-R della MM Motorsport, Montali e Biraghi. Il primo subisce un Drive Through e riparte dal fondo, il secondo ed il terzo retrocedono in fondo al gruppo, e Biraghi rientra ai box. Anche Montali rientra ai box in capo a qualche minuto, mentre l'ottimo D'Aste allunga deciso sul gruppo. Alle sue spalle si scatenano le Leon Cup Racer della BF Motorsport con Barbolini ottimo secondo e Verrocchio capace di rimontare fino alla terza piazza. Per il quarto posto assoluto brilla Fortuna che riesce ad avere la meglio su Alberto Fumagalli. Sesto posto per l'eugubino Omar Fiorucci, in riscatto dopo l'immediata uscita in gara due al Mugello. L'umbro aveva già chiuso nono la prima manche con la sua Leon. La risalita di Fabiani gli frutta un discreto settimo posto davanti a Lissignoli che domina ancora la Seconda Divisione. A chiudere la Top Ten l'ottimo Alessandro Revello e Camillo Piccin, secondo in 2.Divisione con la Honda. Nel confronto "fratricida" tra le Bmw M3 E36 splende la vettura di Stefano Tassi, il bolide Ati Car ha la meglio su quello Scuderia Etna di Stefano Sapuppo, subentrato a Pietrini. Tassi aveva disputato anche la gara della Alfa Revival Cup con una GTAm, dovendosi però ritirare dopo tre quarti d'ora di gara per problemi di temperatura al motore. Anche in questa manche Scarpellini e Marsilia terminano nell'ordine con le loro Renault New Clio. Come già accaduto al Mugello, bella lotta per evitare la "maglia nera" assoluta tra l'abruzzese Alfredo Di Cosmo con la Abarth 595 e la Seat Ibiza Tdi che la Grasso Racing fornisce a Marco De Dominicis. Il pilota Five Speed si difende con onore ma in entrambe le manche soccombe alla maggiore esperienza di Di Cosmo. Per la Coppa Italia ora inizia un periodo particolarmente intenso. Il 20 Maggio si torna in campo all'Autodromo Bonara di Franciacorta e, il 3 Giugno, si scende all'Autodromo di Vallelunga.

N.M.B.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO