Italiano GT, a Le Castellet festeggia Easy Race

Le Huracan di Antonelli completano il podio

campionato-italiano-gt-imola-2018-4.jpg

Sono solo dodici le vetture al via del round del Campionato Italiano Gran Turismo a Le Castellet, ma lo spettacolo non manca. Questa volta la vettura protagonista è la Ferrari 488 di Daniel Mancinelli ed Andrea Fontana. L'unica vettura schierata in Provenza dalla Easy Race scatta benissimo ed allunga sul resto del gruppo. Nelle prime curve sono diversi i concorrenti costretti a sfruttare le ampie vie di fuga del Paul Ricard. Tra questi Lorenzo Veglia e Martin Vedel con le Lamborghini Huracan di Antonelli e Luca Magnoni che porta all'esordio la Audi R8 LMS della Nova Race dopo la "falsa partenza" di Imola dovuta ad un incidente nelle prove libere. Si avvia dai box la Porsche di Michele Merendino e Davide Di Benedetto a causa di problemi di idroguida che la perseguiteranno per tutta la gara. Mentre la 488 della Easy Race allunga sul resto del gruppo, Henri Kauppi con una delle due Ginetta G55 di Nova Race ha un testacoda agevolando la fuga dell'esemplare gemello di Enrico Garbelli. Non brilla stavolta la Ferrari 488 di Baldini 27, con Stefano Gai che dopo essere partito dal fondo per l'annullamento dei tempi di qualifica rimane ai margini della zona podio. Con la vettura di Duell in difficoltà, ha vita facile per la supremazia in GT Cup Vincenzo Sauto con la Porsche 997 Cup M712 di Siliprandi. I cambi pilota, pur lasciando inalterata la leadership di Fontana subentrato a Mancinelli, ravvivano la lotta per le posizioni di rincalzo. Giacomo Barri viene rilevato da Andrea Palma sulla Huracan di Petricorse e subito deve vedersela con Daniel Zampieri, che sostituisce Giacomo Altoé. Zampieri attacca poco dopo metà gara, ma esagera e parte in testacoda finendo dietro anche a Lorenzo Veglia, che intanto ha rilevato Vedel. Palma però è in difficoltà e nel finale di gara scende fuori dalla zona podio. Prima lo passa Veglia, quindi Zampieri ci riprova nella stessa curva in cui era partito in testacoda. Questa volta il portacolori di Antonelli riesce nella manovra, resa più ardita dal doppiaggio della Audi R8 LMS di Nova Race. Da notare il fatto che lo "scambio di vetture" tra Garbelli e Magnoni riesce senza difficoltà, e la nera Ginetta G55 conserva la vetta delle operazioni con ampio margine sulla vettura di Alessandro Marchetti. Oltre alla Ferrari di Baldini 27, non brilla neanche la Audi R8 LMS ufficiale che occupa il quinto posto con Benoit Treluyer subentrato a Bar Baruch. Il tempo di gara scade e la bandiera a scacchi saluta la vittoria della Easy Race con Fontana. Veglia e Zampieri completano il podio davanti a Palma, Treluyer e Fisichella. In GT Cup tutto facile per Pisani e Sauto, in GT4 e GT3 L successo per Magnoni e Garbelli rispettivamente con la Ginetta G55 e la Audi R8 LMS. Degna di nota la partecipazione di una Lamborghini Huracan della SVC Sport Management affidata a due transalpini, Cedric Mezard e Steve Hiesse. Quest'ultimo ha un buon passato in Formula 3 e nel 1992 vinse la selezione ufficiale Elf per i nuovi talenti. Appuntamento a domani per la seconda manche.

N.M.B.

 

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO