Carrera Cup, Tsunami sempre più in alto

Porsche Carrera Cup: Doppietta di Rovera al Paul Ricard

carrera-cup-2017.jpg

La Porsche Carrera Cup arriva in Francia per il secondo weekend stagionale ed anche stavolta la Tsunami RT fa la parte del leone. Alessio Rovera è il protagonista assoluto conquistando la vittoria in entrambe le manche. Un momento magico per il pilota varesino: sette giorni fa, sul circuito di Spa Francorchamps, era arrivato il successo pure nella prima gara della Porsche Carrera Cup francese.

Nella prima manche i piloti Tsunami monopolizzano la prima fila con Rovera in pole e Tommaso Mosca al suo fianco: mentre il campione 2017 fa un ottimo scatto e mantiene la prima posizione, Mosca rimane fermo sullo schieramento e fortuna vuole che tutti lo evitino. Mosca è costretto ad una dura rimonta dal fondo, mentre per il secondo posto si mette in mostra Simone Iaquinta. L'alfiere della Ombra evita gli eccessi di bagarre che a Imola gli sono costati due penalizzazioni e si invola verso un ottimo secondo posto davanti a Gianmarco Quaresmini, migliore pilota della Dinamic. Altra gara difficile per Enrico Fulgenzi che naviga al di fuori della Top Five, alle spalle anche dei compagni di squadra Daniele Cazzaniga e Luca Segù.

Nella categoria Michelin Cup la bagarre è particolarmente aspra. Bashar Mardini della GDL è ancora il più veloce, ma per tenere alle spalle Niccolò Mercatali e Luca Pastorelli non rispetta i limiti di pista e questo finirà per costargli caro. Gli ultimi giri sono pura accademia per Rovera che conquista un successo meritato. Iaquinta e Quaresmini completano il podio davanti all'ex-pilota di Formula 4 Diego Bertonelli. Per il quinto posto Daniele Cazzaniga ha la meglio su Segù che si guadagna la pole per la seconda manche. Fulgenzi subisce una penalità e retrocede al nono posto dietro a Tommaso Mosca ed a Giovanni Berton. Mardini è il più veloce sul campo in Michelin Cup ma viene penalizzato: Mercatali e Pastorelli lo scavalcano sul podio.

Penalità anche per Marco Cassarà che all'ultima curva manda in testacoda Alex De Giacomi. Sia il pilota Ombra che quello Tsunami perdono punti preziosi in ottica coppa. In Silver Cup è tutto facile per Riccardo Cazzaniga, che distanzia nettamente Gianluca De Lorenzi ed il giornalista sportivo Claudio Giudice. La seconda manche si disputa in condizioni meteorologiche diverse rispetto alla prima con l'asfalto inumidito dalla forte pioggia caduta in mattinata. Segù, tradito forse dall'emozione di partire dalla pole, pasticcia e così passa in vetta Bertonelli. La leadership del portacolori Dinamic è di breve durata, Rovera lo raggiunge e dopo alcuni giri mette a segno l'attacco che gli vale la vittoria. Il figlio d'arte lombardo guadagna dunque terreno in classifica di campionato e la possibilità di bissare il successo del 2017 non è affatto remota.

Per la Tsunami è di nuovo gran festa dato anche il bel terzo posto conquistato da Tommaso Mosca. Per Bertonelli rimane la soddisfazione del secondo posto e la certezza di essere già diventato un "big" della Carrera Cup Italia.  Segù porta a casa un discreto quarto posto, precedendo di nuovo Fulgenzi. Inizio di stagione irto di difficoltà per lo jesino dopo i tempi "monstre" stabiliti nei test precampionato. Continua poi la "guerra" tra Simone Iaquinta e Daniele Cazzaniga.

Un altro contatto tra i due manda il portacolori della Ghinzani Arco in testacoda costringendolo ad una dura rimonta culminata nel settimo posto, curiosamente davanti al fratello Riccardo che fa il vuoto nella Silver Cup rilanciandosi nella lotta per il titolo di categoria dopo lo "zero" di Imola. Iaquinta subisce la terza penalizzazione su quattro gare disputate e viene ancora una volta relegato oltre la Top Ten, in undicesima posizione, davanti al compagno di team Marco Cassarà.

Questi si riscatta dopo la scorrettezza della prima manche e chiude terzo nella Michelin Cup, dietro a Luca Pastorelli ed Alex De Giacomi. Per Pastorelli una vittoria da incorniciare tenuto conto che i meccanici Dinamic hanno dovuto lavorare senza sosta in dieci giorni per allestire un nuovo telaio al posto di quello schiantato ad Imola. Mardini conclude al quarto posto di classe davanti a Federico Reggiani.

Ora arriva un po' di riposo per la carovana della Porsche Carrera Cup Italia, ma non durerà a lungo. Il primo weekend di Giugno infatti è prevista la terza prova stagionale all'Autodromo Nazionale di Monza. Per il capoclassifica Rovera non c'è nessuna sosta in programma e già il prossimo weekend scenderà in pista a Zandvoort per la seconda tappa della Carrera Cup francese.

N.M.B.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO