Coppa Italia, spettacolo a Franciacorta

Esordio vincente per Eric Brigliadori, una vittoria anche per Samuele Piccin

borrett.jpg

Non conosce soste la marcia della Coppa Italia 2018 che fa tappa all'Autodromo Daniel Bonara di Castrezzato per la terza prova stagionale, inizio di un periodo particolarmente intenso con tre doppie gare in un mese. Particolarmente importante il weekend di gara, abbinato alla tappa italiana della Nascar Whelen. Nella prima manche ci si aspetta la riscossa di Federico Borrett con la Bmw M3 E36 dopo il doppio zero riportato a Misano Adriatico, invece è Riccardo Fumagalli a scattare meglio di tutti con la massiccia Bmw M3 E92 del Team Piloti Forlivesi. Eric Brigliadori, partito in pole con la Seat Leon TCR curata dal team del padre Imerio, la BF Motorsport, viene superato anche dalla Honda Civic TCR di Samuele Piccin. Il giovane Brigliadori paga lo scotto del noviziato e Borrett gli soffia un'altra posizione. Il giovane romagnolo però reagisce e riscavalca il friulano; non solo, Borrett cede una posizione anche alla Lotus Elise di Mauro Guastamacchia all'esordio in campionato. Colpi di scena a ripetizione a metà gara con Fumagalli rallentato da un cedimento al cambio e Stefano Tassi costretto a rinunciare ad un buon piazzamento in II Divisione a causa della rottura della sospensione anteriore destra occorsa alla sua bella Bmw M3 E36. Fumagalli perde terreno e viene scalzato da Samuele Piccin, che si invola verso la prima vittoria stagionale. Brigliadori risale secondo e festeggia col podio il suo esordio in campionato. A Guastamacchia il gradino più basso del podio: Fumagalli, sempre più in crisi, viene superato dal pilota dell'Aggressive Team proprio sul filo di lana e si deve accontentare della medaglia di "rame". Da applausi la lotta di Borrett con Mariano Maglioccola, su Seat Leon TCR, e con Daniele Cappellari che porta all'esordio una Volkswagen Golf TCR. In II Divisione ancora vittoria per Raffaele Lissignoli con la Renault Clio della GL, completano il podio Camillo Piccin con la sua Honda Civic Type-R ed Ermanno Dionisio che, oltre a lottare per la supremazia in classe DSG nella serie italiana TCR con una Audi RS3, si concede un secondo programma in Coppa Italia Turismo con una Seat Ibiza. Nella seconda manche non manca nessuno: Tassi, dato per spacciato dopo il fragoroso cedimento della sospensione, riesce a schierarsi per la seconda manche adattando alla M3 E36 alcuni particolari meccanici casualmente a disposizione dei meccanici ATI Car e compatibili con la sua vettura. Fabio Fabiani rileva Piccin sulla Honda Civic TCR vincente in prima manche, il ravennate alla prima curva lotta con Guastamacchia, Brigliadori jr e Borrett. E'il figlio d'arte a conquistare la leadership con Fabiani secondo e Guastamacchia terzo. Un errore del pilota Lotus penalizza anche Borrett e permette ad un gruppetto comprendente anche Alberto Fumagalli e Maglioccola di rientrare in lotta per la terza piazza. Maglioccola poi perde terreno dopo una piccola toccata con il romano Maurizio Marchio, che ha rilevato Marco Bizzaglia sulla seconda Civic TCR della MM Motorsport. Per il portacolori della scuderia romana AS Evolution è il ritorno in gara dopo alcuni anni di inattività. Colpo di scena a metà gara in II Divisione con Lissignoli che va largo alla prima curva dopo che salta il tappo dell'olio alla sua Renault Clio. Per il bresciano finiscono nella sabbia le speranze di un'altra doppietta di classe. Per controllare la pulizia della pista e togliere la Clio troppo vicina al percorso il gruppo viene neutralizzato vanificando la cavalcata di Brigliadori jr e Fabiani. Al nuovo via i due romagnoli riescono a conservare le posizioni con Eric Brigliadori subito vincente alla prima gara con la Leon TCR. Per la BF Motorsport una grande soddisfazione dopo l'amarezza per il forfait imprevisto di Matteo Bergonzini. Il terzo posto assoluto va al romano Fabrizio Montali, al via con la fedele Bmw 320 in livrea Motorsport, che sul finale scavalca Borrett riscattandosi dall'amarezza per il ritiro in gara due a Misano Adriatico. In II Divisione primo successo per Dionisio, mentre Stefano Tassi nonostante la vettura inguidabile a causa dell'idroguida KO non demorde e porta a casa il secondo posto con la Bmw M3 E36. Marco De Dominicis regala una grossa soddisfazione alla Grasso Racing completando il podio di categoria con la Ibiza Tdi. Poco tempo per riposare per i piloti della Coppa Italia Turismo. Tra due settimane, infatti, si torna subito in campo a Vallelunga.

N.M.B.

  • shares
  • Mail