Formula 2000 Trophy, l'unione fa la forza

Quaranta vetture al via al Red Bull Ring

f2-italian-trophy-1.jpg

Il 2018 ha rappresentato un punto di svolta per il campionato riservato alle ex-monoposto di Formula 3 curato da Piero Longhi. Il nome della categoria è stato rinnovato per evitare confusioni con la nuova incarnazione della ex-GP2. Da F2 Italian Trophy si è quindi passati a F2000 Italian Trophy; il nuovo nome è un evidente omaggio alla "Seconda Divisione" della terza formula italiana andata in scena dal 1980 al 1995. A Zeltweg l'alleanza con il campionato Austriaco di Formula 3 ha portato ad una griglia "monstre" con quaranta monoposto in campo. Dominatore assoluto della classifica italiana è Alessandro Bracalente con una Dallara 312 a motore Volkswagen della Pave Motorsport. Il marchigiano ha dovuto rinunciare alla vittoria assoluta in prima ed in seconda manche a causa di un superlativo Sandro Zeller. L'elvetico, esponente di una dinastia che da decenni si cimenta nelle gare di Terza Formula -uno di loro, Jo, partecipò anche al Gran Premio di Macau del 1994- trionfa nella prima manche con un sorpasso all'ultimo giro su Bracalente. Inizialmente si era distinto nella lotta per la vittoria l'austriaco Philipp Regensperger con una Dallara 305 Opel, poi calato sulla distanza e giunto terzo assoluto. La classifica del F2000 Italian Trophy vede al secondo posto Dino Rasero con la Dallara 310 a motore Volkswagen della Puresport ed al terzo posto Antoine Bottiroli con la Dallara 312 Mercedes della Twister. In classe 2 vittoria per Riccardo Perego, sempre con una vettura della Twister, una Dallara 308 a motore Fiat. La seconda gara vede riproporsi il confronto per il successo assoluto tra Bracalente e Sandro Zeller. A questi si aggiungono Regensperger e Paolo Brajnik al volante di una Dallara 308 Volkswagen. Brajnik riesce anche a portarsi al secondo posto assoluto ma Bracalente in pochi giri mette di nuovo alle spalle l'ex-pilota della categoria Supertwins. Si mette in mostra anche Andrea Cola con una Dallara 312 Mercedes Benz della Monolite Racing, mentre Rasero compie un errore giocandosi un buon piazzamento tra i piloti del F2000 Italian Trophy. Tra costoro risale deciso in classifica l'elvetico di origini cosentine Antonino Pellegrino con la Dallara 308 Volkswagen, alle sue spalle c'è il connazionale Bottiroli. Il finale di gara sembra riservare un aspro duello per la vittoria tra Zeller e Bracalente, ma la Safety Car congela le operazioni fino alla bandiera a scacchi e dà allo svizzero la vittoria. Bracalente è il migliore tra i piloti del Trofeo F2000 davanti a Pellegrino e Bottiroli. Perego si conferma in Classe 2. Degno di nota poi il terzo posto assoluto di Andrea Cola. Prossima gara del F2000 Italian Trophy a Monza, il prossimo 3 Giugno, all'interno del weekend Aci Sport. Altri due eventi assieme alla carovana Aci Sport saranno il 29 Luglio ad Imola ed il 9 Settembre a Vallelunga, mentre la quarta prova stagionale sarà a Most il 24 Giugno.

N.M.B.

  • shares
  • Mail