Rally Italia Sardinia, Ogier ancora leader

Solo Neuville rimane in grado di fermarlo

andolfi-skoda.jpg

Il confronto tra Sebastien Ogier e Thierry Neuville per la supremazia al Rally Italia Sardinia 2018 prosegue anche nella seconda giornata di gara e vede ancora il francese in vantaggio, con appena tre secondi e nove decimi di vantaggio sul belga capoclassifica nel Mondiale. Alle loro spalle si assottiglia il numero dei protagonisti. Terzo è ora Esa-Pekka Lappi con la Toyota Yaris WRC migliore, dopo che un cedimento all'alternatore fa retrocedere in classifica Jari-Matti Latvala ora ottavo davanti ad Ott Tanak che paga una foratura sulla sedicesima prova speciale.

La quarta posizione è ora di Hayden Paddon con la seconda Hyundai i20 Coupe Wrc, davanti alle Citroen C3 Wrc del norvegese Mads Ostberg e dell'irlandese Craig Breen. Le Citroen impostano la loro gara sulla regolarità e, almeno per il momento, è una strategia che viene premiata dalla buona posizione corale in classifica. I problemi tecnici condizionano la gara anche nella WRC 2 con Stephane Lefebvre e Gabin Moreau che con la Citroen C3 R5 retrocedono in classifica a causa di una sospensione rotta sull'undicesima speciale, la prima ripetizione di Monti D'Alà.

In tal modo il ceco Jan Kopecky con la Skoda Fabia R5 è saldo leader di categoria con ampio margine sulla Hyundai i20 R5 di Nicolas Ciamin e sulla Skoda Fabia R5 del rimontante Ole-Kristian Veiby. A seguire Pierre-Louis Loubet con la Hyundai i20 R5 della BRC e Fabio Andolfi con la Skoda Fabia R5. La rimonta dei vari "big" penalizzati con il Super Rally, quali Teemu Suninen ed Elfyn Evans con le Ford Fiesta Wrc, spingono di nuovo in diciannovesima posizione il migliore dei piloti sardi, Giuseppe Dettori con la Skoda Fabia R5. Dettori continua comunque a tenere alle spalle l'ex-leader della corsa Andreas Mikkelsen con la Hyundai i20 Wrc. Il norvegese non si riprende dopo il ritiro della prima giornata dovuto alla rottura del cambio.

Quasi tutti i piloti costretti al ritiro ieri, escluso Hiroki Arai, hanno ripreso la corsa con il Super Rally. Tra questi Francesco Marrone con la Peugeot 208 T16, Simone Tempestini con la Citroen C3 R5 ed i diversi equipaggi privati nostrani che avevano pagato dazio alla dura legge degli sterrati isolani. Domani rush finale con quattro prove speciali, due ripetizioni della Cala Flumini e due della Sassari-Argentera.

N.M.B.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO