A Misano il GT italiano è sempre più internazionale

La Ferrari della Baldini 27 eliminata da un guasto in seconda manche

gt-misano.jpg

Il Campionato Italiano Gran Turismo torna in campo a Misano Adriatico con diciassette vetture in griglia ed uno schieramento di portata internazionale. Continua il momento difficile della Scuderia Baldini 27 che in prima manche chiude "solo" seconda con la Ferrari 488 pilotata da Stefano Gai e Michele Rugolo. Questi rimpiazza Giancarlo Fisichella che era impegnato alla 24 Ore di Le Mans. L'assenza del romano si fa comunque sentire visto che la Audi R8 LMS di Jamie Green e Bar Baruch conquista un successo schiacciante, con un margine di sette secondi e sette decimi sotto la bandiera a scacchi. Per la vettura della Audi Sport Italia un successo veramente prestigioso che conferma le ottime qualità di guida raggiunte da Baruch, ormai serio candidato alla conquista del titolo nazionale. La R8 poi dà lustro alla griglia di partenza grazie all'alternarsi di piloti famosi sul secondo sedile. E lustro allo schieramento lo dà anche la Bmw M6 di Stefano Comandini, che in Romagna si fa accompagnare da un coequipier di tutto rispetto, il francese Bruno Spengler protagonista da tantissimi anni del DTM. Per loro subito un bel terzo posto precedendo la Lamborghini Huracan di Daniel Zampieri e Giacomo Altoè. Quinto posto per l'identica vettura di Lorenzo Veglia e Martin Vedel, mentre disastro per la Easy Race che registra non solo il ritiro dopo sei giri della Ferrari 488 di punta di Andrea Fontana e Daniel Mancinelli, ma pure la resa il giro seguente del rientrante Marco Magli con la Ferrari 488 GT3 Light. La Super GT Cup vede la vittoria di Alain Valente e Pietro Perolini saldamente al comando con la loro Lamborghini Huracan davanti a quella di Pierluigi Alessandri. Tre vetture in campo anche per la GT Cup, una categoria che parla siciliano non solo grazie al successo di Michele Merendino e Davide Di Benedetto, ma anche per via del secondo posto di Vincenzo Sauto e del terzo di Ciccio La Mazza e Giuseppe Nicolosi con la Porsche 991 di Ebimotors. Sauto e Pisani, dopo il weekend trionfale di Le Castellet, ritornano al ruolo degli inseguitori con la Porsche 997 My12 di Siliprandi. Il ritiro di Magli permette a Matteo Cressoni e Luca Magnoni di conquistare la terza "doppia vittoria" consecutiva, sbancando sia la GT4 con la Ginetta G55 di Nova Race che la GT3 Light con la Audi R8 LMS.

La seconda manche vede la riscossa della Ferrari 488 della Easy Race che rimane costantemente in lotta per le prime posizioni. Il ritmo migliore però lo ha la Lamborghini Huracan di Zampieri ed Altoè, che intascano una vittoria davvero importantissima. Passano infatti in vetta alla classifica di campionato GT3 approfittando anche della mezza battuta d'arresto di Michele Rugolo e Stefano Gai. Mentre duellava con Fontana e sembrava in grado di conquistare un altro secondo posto assoluto, Gai veniva tradito dal cedimento della pompa della benzina dettato da una panne elettrica, dovendo così posteggiare a bordo pista la propria 488. A completare il podio giungeva a questo punto la Audi R8 LMS di Baruch e Green, e l'israeliano conquistava punti che gli fruttavano la seconda posizione in classifica di campionato ai danni della vettura di Baldini 27. Il caldo metteva a dura prova la resistenza degli pneumatici. Vittima principale la Bmw M6 di Comandini e Spengler che si girava al Carro toccando anche le barriere con il posteriore. Per fortuna la vettura bavarese rimaneva con il motore acceso e tornava subito in pista, conquistando il sesto posto dietro alla Lamborghini Huracan che Petri Corse schiera per Andrea Palma e Giacomo Barri. Per quanto riguarda le altre classi, doppiette per Valente/Perolini e Di Benedetto/Merendino rispettivamente in Super GT Cup e GT Cup. I secondi tra l'altro da questa gara esordiscono su una nuova Porsche 997. In GT3 Light invece Marco Magli non sbaglia nulla e dopo tanta sfortuna ottiene il primo successo stagionale, guastando la festa a Cressoni e Magnoni che confermano il primato "solamente" nella GT4. Ora un mese di pausa e poi si tornerà in pista a metà Luglio al Mugello per la quarta prova della serie.

N.M.B.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO