Clio Cup, a Monza brillano Di Luca e Rangoni [Video]

La tappa brianzola della Clio Cup ha visto il prepotente ritorno alla vittoria di Simone di Luca con l'auto sponsorizzata Blogo Motori.

La Renault Clio Cup Italia sbarca all'Autodromo di Monza e anche stavolta regala grandi emozioni in entrambe le manche con ben ventuno piloti al via, segno del ritrovato ottimo stato di forma della serie dopo alcuni anni interlocutori. Leit-motiv della corsa è il confronto tra Simone Di Luca, a bordo della Clio griffata Motorsportblog, e Felice Jelmini, per la supremazia in campionato dopo la bagarre di Vallelunga. Bagarre che impedisce a Giacomo Trebbi di essere della partita con la vettura della 4X4 Explorer.

Tra le altre novità in griglia spicca il ritorno di "Saetta McQueen" Longo con la Faro Racing. La sua vettura, però, è una Clio della Composit prestata alla squadra di Fabrizio Paolo Tablò. La Faro Racing schiera anche Ercole Cipolla; il laziale a Vallelunga aveva corso con la squadra di Melatini. La vettura del team marchigiano scende in pista in Brianza con al volante Max Ciocca. Alessandro Leopardi, che quest'anno ha già corso in Super Cup e 318 Racing Series, debutta nella serie con una vettura di Lema Racing. Nonostante i danni subiti a Roma, non manca all'appello l'umbertidese Filippo Distrutti della Nextone grazie al lavoro dei tecnici di Savelli, che ha la gestione tecnica del mezzo. La Composit Motorsport non schiera Cobellini ma riporta in scena Massimiliano Pedalà per aiutare Jelmini nella rincorsa al primo posto.

Clio Cup: Gara 1



La prima gara si corre nella mattinata di Domenica e già dalla prima variante ne capitano di tutti i colori. Alla Prima Variante entrano in collisione Matteo Poloni e strong>Lorenzo Vallarino, il primo riporta danni al frontale mentre il secondo perde improvvisamente il controllo della propria Clio alla seconda variante, andando a sbattere contro la barriera ad alta velocità. La Renault di Vallarino si rovescia più volte e si ferma nell'ampia via di fuga della Roggia. Entra la Safety Car per permettere ai medici di soccorrere Vallarino e per rimuovere il relitto della sua auto. Inoltre, devono essere spostate dalla Prima Variante le vetture di "Saetta McQueen" e Daniele Pasquali a loro volta vittime della bagarre, sia pure in misura minore.

Durante la neutralizzazione Poloni rientra ai box per ritirarsi. Al nuovo via si riaccende la lotta per la vittoria tra Simone Di Luca, con la vettura di Faro Racing sponsorizzata da motorsportblog e autoblog, Luca Rangoni e Felice Jelmini. Il confronto vede Di Luca, partito dalla pole, mettere a segno l'attacco vincente ai danni degli avversari a due giri dalla fine.

Rangoni e Jelmini si danneggiano nella successiva bagarre e sono costretti ad accontentarsi del secondo e del terzo posto alle spalle del forte romano. Quarta posizione per lo sloveno Bostjan Abvelj della Lema Racing davanti a Massimiliano Pedalà ed a "Due" con la vettura della Oregon. Questi fatica per contenere la pressione di Christian Mancinelli.

In nona posizione si mette in mostra l'umbro Filippo Distrutti la cui Clio inizia però ad avere problemi con il turbo. Riesce egualmente a battere sul filo di lana Davide Casetta della Faro Racing e Massimiliano Ciocca della Melatini Racing. Onesta performance per il comasco Alessandro Leopardi che sul filo di lana precede Riccardo Scarlato. Il conduttore televisivo sfrutta al meglio la vettura della Renault Press League mettendo a segno alcuni bei sorpassi su Ercole Cipolla ed Aldo Galvagni.

Clio Cup: gara 2



In seconda manche la griglia è quasi completa. Poloni può schierarsi dopo che la Essecorse smonta i ricambi necessari dalla vettura riservata all'evento promozionale Renault. Anche "Saetta McQueen" Longo e Pasquali non hanno problemi a ripresentarsi in griglia, mentre Vallarino è ovviamente fuori gioco, fortunatamente dopo i dovuti controlli medici è potuto tornare subito a casa. Sono le vetture di Composit a partire in prima fila, ma ben presto Pedalà è costretto a rallentare e quindi a rientrare ai box. Di Luca trova il varco giusto e si porta al comando davanti a Jelmini e Rangoni, mentre Abvelj prima compie un errore alla Ascari, poi si elimina con un testacoda a Lesmo con cui danneggia il frontale della Clio Turbo. Per la Lema la debacle è completata dal ritiro di Leopardi per problemi alla pompa della benzina.

Mentre al comando Di Luca contiene faticosamente Jelmini, per il quarto posto è lotta vera tra "Due", Massimiliano Danetti con la superstite auto della MC Motortecnica, Poloni e Casetta. Dura bagarre anche nelle retrovie con protagonisti Ciocca, Pasquali, Della Pia, Cipolla, Longo e Distrutti. L'umbro però viene tradito dal turbo e precipita in classifica. Dopo essere rimasto piantato al via Alberto Bergamaschi, con la vettura della Renault Press League, rimonta passando Galvagni e Marco Parisini. Ad un giro dalla fine Di Luca, la cui vettura è praticamente priva di paraurti posteriore dopo le continue bussatine da parte di Jelmini, subisce l'attacco di quest'ultimo.

Si infila però deciso anche Rangoni che, dopo avere pazientemente atteso il momento giusto per colpire, va al comando con Jelmini alle sue spalle fino alla bandiera a scacchi. Di Luca si deve accontentare di un terzo posto comunque non da buttare ai fini del campionato. Positiva gara di "Due" che è quarto davanti all'ottimo Danetti ed a Poloni. Settimo posto per Davide Casetta davanti a Mancinelli, Ciocca e Pasquali. Dopo il ritiro di gara uno Ermes Della Pia è undicesimo davanti a Cipolla che in extremis riscavalca "Saetta McQueen". Quattordicesimo posto per lo sfortunato Distrutti davanti a Bergamaschi, Galvagni e Parisini. In classifica Di Luca è ancora leader con un ampio margine su Jelmini. Prossima gara di campionato il 16 Settembre ad Imola.

clio-cup-4.jpg

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO