TCR Italy, ad Imola paura e spettacolo

Bettera e Tavano si spartiscono i successi

tcr-imola.jpg

La serie TCR Italy fa tappa all'Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola con uno schieramento di partenza piuttosto ridotto rispetto alle precedenti gare. Diversi piloti quali Lorenzo Nicoli, Walter Margelli, Cosimo Papi e Alessandro Thellung marcano visita sul tracciato emiliano. Lo schieramento viene poi ulteriormente limato dopo le prove ufficiali, a causa di un brutale incidente che coinvolge Nico Baldan ed Eric Scalvini. Le due Hyundai i30 TCR entrano in collisione nei primi minuti di prova a causa di una incomprensione e la vettura di Baldan ha decisamente la peggio con un ribaltamento multiplo che disintegra il mezzo in ogni sua parte. Il veneto riporta poi conseguenze fisiche con una frattura ad una clavicola e diverse contusioni; la sua rincorsa al titolo potrebbe essere compromessa a meno che Pit Lane non riesca ad allestire un nuovo mezzo in tempo per la gara di Vallelunga del 16 Settembre. La Hyundai di Eric Scalvini riporta danni relativamente più lievi e l'ex-protagonista del Trofeo Abarth riesce a riportarla ai box in moto. La Direzione Gara però squalifica immediatamente dalla manifestazione il pilota di BRC Racing per comportamento scorretto. Lodevole comportamento di Andrea Larini che con la Seat Leon TCR si ferma per andare a prestare soccorso al compagno di team.

La Prima Manche parte poi priva anche della seconda Opel Astra TCR della South Italy con Nello Nataloni eliminato dalla rottura di un semiasse. A dominare la corsa è Luigi Ferrara con la Alfa Romeo Giulietta di V-Action Romeo Ferraris, ma la sfortuna continua ad accanirsi sull'ex-capolista del campionato. Infatti, durante la neutralizzazione dovuta all'uscita nella sabbia della Honda Civic TCR che la Target Competition schiera per José Rodrigues, Ferrara compie una irregolarità e riceve una penalità di venticinque secondi da aggiungere al suo tempo di gara. Il pugliese riuscirà a mantenere il comando "sul campo" sia dopo questa ripartenza sia dopo la nuova neutralizzazione causata dall'uscita della Hyundai i30 TCR di Federico Paolino alla Tosa, ma il successo passerà al lombardo Enrico Bettera, che con la sua Audi RS3 LMS consola la Pit Lane Competizioni per l'incidente di Baldan. Il toscano Max Mugelli porta in alto la nuova Honda Civic della MM di Emanuele Alborghetti e giunge secondo davanti a Salvatore Tavano. Il siciliano pilota ufficiale Seat allunga così in classifica di campionato. La quarta posizione è di Luca Rangoni. Il bolognese debutta nella serie con la Subaru Impreza Wrx STI TCR e subito si rende protagonista di una gran gara lottando per il podio a lungo. Alla fine precede l'ottimo Jurgen Schmarl che continua a brillare con la Civic della Target di Walter Gummerer. Le vetture DSG lottano duramente per entrare nella Top Ten assoluta ed anche stavolta la vittoria arride alla Seat Leon di Matteo Greco davanti alla identica vettura che Gretaracing schiera per Francesco Savoia. Terzo di classe l'ufficiale Massimiliano Gagliano davanti a Romy Dall'Antonia ed alla Volkswagen Golf ex-Gagliano di Daniele Cappellari.

La Seconda Manche -che vede Felix Wimmer partire dai box con la sua Seat Leon DSG a causa di noie tecniche- è agguerritissima con Luigi Ferrara che tenta disperatamente di recuperare posizioni, ma un piccolo sgradito problema tecnico lo costringe al rientro ai box che lo retrocede in fondo al gruppo. Tornano ai box anche due delle tre Honda Civic TCR della Target Competition, quelle di Marco Pellegrini Anatrella e quella di Cesar Machado, ma solo il portoghese riuscirà a rimanere in gara. La leadership se la giocano Tavano, Rangoni e Greco, ma nella seconda metà di gara la gara viene condizionata dalle neutralizzazioni. La prima è per la rottura del motore di Adriano Bernazzani, che torna in campo ad Imola con una Alfa Romeo Giulietta visto che la Autostar , pur avendo brillantemente riparato la sua Peugeot 308 Mi16, è impegnata a Milano per la gara delle Smart "elettriche". Benché Bernazzani accosti ampiamente fuori traiettoria, si decide di neutralizzare la corsa per controllare che non vi sia olio sulla pista. Questo consente a Ferrara e Machado di rientrare in gruppo. Al nuovo via il terzetto di testa cerca di riprendere subito il largo, ma a pochi minuti dalla fine c'è una altra fase di bandiere gialle. Andrea Argenti, già in difficoltà a causa di ben due soste ai box, si intraversa da solo alla Rivazza. L'Opel si insabbia senza riportare danni ma la posizione è pericolosa ed i marshals non riescono a farla ripartire, entra quindi di nuovo la Safety Car che accompagna il gruppo fino alla scadenza del tempo regolamentare. Al nuovo via rimane solo il giro addizionale ed il gruppo di testa resta invariato fino alla bandiera a scacchi con Tavano che vince davanti a Rangoni -autore di un super-weekend alla luce della perentoria doppietta nella gara Super Cup Seconda Divisione- e Greco che vince ancora in classe DSG. Qualcosa si verifica nelle retrovie con Max Mugelli che viene appiedato da un guasto alla Tosa ed Edoardo Cappello insabbiatosi al Tamburello con la sua Alfa Romeo Giulietta. Il siciliano vincitore al Mugello era già stato costretto alla resa in prima manche con la coppa dell'olio fuori uso. Tornando alla classifica spicca il bel quarto posto di Andrea Larini che era partito molto male. Le DSG si distinguono anche con Massimiliano Gagliano che con la propria Leon ufficiale è quinto assoluto. Enrico Bettera stavolta è sesto davanti ad un Jurgen Schmarl molto contrariato per la propria prestazione. Francesco Savoia è ottavo e completa il podio della classe DSG. La Top Ten assoluta la completano il rimontante Federico Paolino e Mauro Guastamacchia. Il boss della Aggressive Racing Team, all'esordio con la Honda Civic TCR di MM Motorsport, bissa la posizione della prima manche dopo una performance brillante. Una penalità retrocede al quindicesimo posto Luigi Ferrara che sul finire di gara stava lottando con Daniele Verrocchio e Daniele Cappellari.  Un pessimo piazzamento che lancia Tavano sempre più vicino alla conquista del titolo. La prossima prova del TCR Italy sarà a Vallelunga il prossimo 15 e 16 Settembre.

N.M.B.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail