Uno sguardo all'estero: TCR UK, battaglia persa in partenza?

Le griglie del campionato non decollano

Il 2018 ha registrato in Gran Bretagna l'introduzione della serie nazionale TCR UK. In molti erano incuriositi sulla possibilità di questa formula tecnica, diventata subito popolarissima in tutto il mondo, di scalzare dal suo "trono" sua Maestà il BTCC, che ormai dal 2001 va avanti con un proprio regolamento tecnico ed un proprio "roster" di vetture dopo il "pensionamento" delle D2 Superturismo. Sta di fatto che la serie TCR UK, la cui gestione è stata affidata al BRSCC, ha potuto contare già dalla fine del 2017 di un proprio ricco programma con numerose categorie di supporto -l'Alfa Romeo Championship, la 318 Compact Cup, la gloriosa Formula Ford ancora capace di "doppiare" a livello di iscritti la più "fresca" F4, la Volkswagen Racing Cup e la Mazda MX5 Supercup- ed un buon battage mediatico. A due gare dalla fine della stagione inaugurale -Croft e Donington Park-, il TCR UK tira la somme e purtroppo il risultato non sembra incoraggiante. I team del BTCC sono rimasti fedeli allo storico campionato inglese, il cui livello di prestigio e popolarità è uno dei più alti degli ultimi anni; inoltre, la conversione delle vetture BTCC alla normativa TCR è impossibile a causa della notevole diversità tra le due formule tecniche. Le griglie di partenza della TCR UK ne hanno pesantemente risentito con griglie che non hanno mai superato quota quindici auto. Per di più non tutti i partecipanti alla nuova serie sono inglesi, con una "discreta" presenza di svedesi e finlandesi a rimpinguare i ranghi.  Con griglie così ridotte, nonostante i piloti ce la mettano tutta, lo spettacolo ne risente e con esso la presenza del pubblico sugli spalti. Anche il livello delle gare di contorno, per quanto ottimo, non riesce a pareggiare quello delle categorie di supporto del BTCC, che possono contare sull'appoggio ufficiale di case come Ginetta, Porsche e Renault. Il confronto tra TCR UK e BTCC sembra dunque perso in partenza per la prima categoria. Si spera che dal 2019 la serie TCR UK possa trovare più team e migliorare il suo appeal, alla luce di un ulteriore miglioramento della copertura mediatica e della possibile introduzione di una gara della serie TCR Europe in Inghilterra nella prossima stagione. Il successo del BTCC conferma l'alto livello raggiunto dalle serie storiche del Motorsport britannico, capaci di resistere nel corso degli anni alle "ingerenze" delle principali serie continentali ed internazionali.

N.M.B.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail