Porsche Carrera Cup, primi verdetti a Vallelunga

Montalbano e Palazzo verso il successo in Silver Cup

Il weekend della Porsche Carrera Cup a Vallelunga lascia tre pretendenti per la conquista del titolo assoluto nella finale di inizio Ottobre ad Imola. La prima manche vede la vittoria di Gianmarco Quaresmini che domina le operazioni da bandiera a bandiera con la Porsche della Dinamic portandosi così in testa alla classifica di campionato. Alle sue spalle si mette in luce il compagno di team Alberto Cerqui, ma l'ex-formulista commette un errore che lo retrocederà al tredicesimo posto finale. Così Simone Iaquinta della Ombra eredita il secondo posto mantenendolo per tutta la seconda metà di gara. Terzo l'ottimo Luca Segù, ormai una conferma con la 911 della Ghinzani Arco. Si morde le dita Bertonelli che chiude soltanto quarto davanti ad Enrico Fulgenzi della GDL e Riccardo Cazzaniga di Ghinzani Arco. Quest'ultimo si avvantaggia della penalità di venticinque secondi inflitta a Tommaso Mosca della Tsunami per una toccata. Una penalizzazione che pesa come un macigno sulle residue chance di titolo del lombardo, già assottigliatesi dopo l'incidente di Scarperia. Per quanto riguarda le altre classi spicca la vittoria di Marco Cassarà in Michelin Cup ai danni di Alex De Giacomi. Solo terzo Bashar Mardini della GDL dopo prove tribolatissime. Nella Silver Cup, con Stefano Stefanelli e "Giagua" messi fuori causa dai postumi dello schianto in Toscana, fa festa grande Vincenzo Montalbano della Ghinzani Arco ai danni di Francesco Neri della Dinamic. In seconda manche non si schiera Mosca, ormai fuori dai giochi per il titolo. La vittoria se la giocano Riccardo Cazzaniga ed Enrico Fulgenzi. Il marchigiano passa in testa nelle fasi centrali di gara, ma poi Cazzaniga si riporta in vetta e va a vincere mentre Fulgenzi si ferma a due giri dalla fine con la gomma posteriore sinistra a brandelli. La bagarre costa cara a Giovanni Berton e Luca Segù che per scorrettezza sono penalizzati di venticinque secondi ciascuno venendo relegati al dodicesimo e quindicesimo posto assoluto. Simone Iaquinta chiude di nuovo secondo davanti a Bertonelli. L'ex-protagonista della Formula 4 aggancia Rovera in classifica di campionato e recupera qualcosa anche su Quaresmini giunto solo settimo ma ancora favoritissimo per il titolo assoluto. Quarto Daniele Cazzaniga a completare il successo "di famiglia" e della Ghinzani Arco. Quinto Simone Pellegrinelli davanti a Marco Cassarà che vince ancora nella Michelin Cup. Questa doppietta non è però sufficiente ad impedire la conquista matematica del titolo di categoria da parte di Bashar Mardini. Il canadese si piazza secondo di classe, nono assoluto, ed ora Cassarà non può più scavalcarlo con due sole manche da disputare. Una giornata da incorniciare per Mardini, alla prima stagione completa nella Carrera Cup italiana dopo episodiche partecipazioni nelle ultime stagioni della Targa Tricolore Porsche. Alex De Giacomi completa il podio di classe con la unica vettura Tsunami in gara. Tra le vetture della Silver Cup vittoria per Walter Palazzo che consente a lui e Montalbano di passare in testa alla classifica di classe e godere delle migliori credenziali per il titolo di categoria per la finale di Imola. Ancora una volta secondo posto per Francesco Neri.

N.M.B.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail