Prototipi, a Vallelunga primo hurrà per Gagliardini!

Nella seconda manche il romano piega la concorrenza di Giudice

Il Campionato Italiano Sport Prototipi scende in campo a Vallelunga per la penultima doppia gara stagionale e finalmente arriva la prima grande soddisfazione per Andrea Gagliardini. Il pilota laziale riesce ad imporsi in una combattuta gara due dopo tanta sfortuna patita nelle gare precedenti, che ha compromesso le sue velleità di titolo assoluto. Un successo che mantiene il romano pienamente in corsa nella graduatoria Rookie dove è staccato di soli tre punti dal compagno di team Lorenzo Pegoraro.

Gara 1


Nella prima manche il primo leader è Simone Borelli della BF davanti a Mirko Zanardini ed a Lorenzo Pegoraro salito rabbiosamente dalla ottava posizione in griglia. Gagliardini è sesto scavalcando Simone Riccitelli mentre Gagliardini è decimo alle spalle di Claudio Giudice. Al secondo giro Pegoraro sorpassa Zanardini per il secondo posto mentre Carboni viene nuovamente scavalcato da Riccitelli junior. La rincorsa di Pegoraro non finisce qui e al terzo giro sale in prima posizione. Borelli accusa il colpo ma solo per un brevissimo periodo, dapprima si libera di Zanardini e poi attacca di nuovo Pegoraro che al quinto giro si intraversa alla Esse e deve ritirarsi.

Mentre Borelli torna al comando Gagliardini tenta una difficile rimonta scavalcando Carboni e portandosi settimo. Il bagnorese continua a perdere terreno e viene scalzato anche da Claudio Giudice, mentre Matteo Pollini prende le misure di Borelli e all'undicesimo giro passa al comando. Nella tornata precedente il ritiro di Zanardini aveva spianato a Davide Uboldi la strada per il gradino più basso del podio. Pollini va a vincere e conquista la leadership di campionato, davanti a Borelli e Uboldi che regge agli attacchi di Simone Riccitelli. La rincorsa di Andrea Gagliardini gli frutta un buon quinto posto davanti a Giudice, Carboni, Simon Hulten e Mikhail Spiridionov. La Top Ten la completerà "Paco" Gamberini.

Gara 2


Forte del quinto posto ottenuto nella prima manche Gagliardini parte in prima fila assieme a Claudio Giudice e sono subito loro due i protagonisti nella lotta per la vittoria. Il laziale infila rapidamente il pilota lombardo e resiste ad ogni suo contrattacco. Nelle retrovie intanto succede di tutto, con Nicola Neri eliminato da un guasto meccanico proprio che lo costringe a fermare la sua Wolf GB 08 Thunder all'ingresso della pit-lane. Poco dopo Pollini ed Uboldi si toccano alla Soratte mentre sono in bagarre, Pollini perde terreno e poi si dovrà ritirare. Questo gioca a favore di Pegoraro che intanto rimonta rabbiosamente e punta alla zona podio.

Intanto Zanardini, già vittima di un testacoda nei primi giri, si urta alla Trincea con Caliceti che rimane bloccato in posizione pericolosa e causando l'ingresso della Safety Car. Alla ripartenza Gagliardini mantiene il comando su Giudice e Pegoraro e conquista la prima vittoria nella serie. La bagarre tra Carboni e l'americano Mobine culmina in un contatto al Tornantino che vede l'americano in testacoda e retrocesso in undicesima ed ultima posizione. Carboni, giunto ottavo, subirà dieci secondi di penalità retrocedendo decimo. Con il terzo posto ottenuto in Gara 2 Pegoraro torna in vetta al campionato davanti a Pollini e Gagliardini.

Il commento di Gagliardini


Gara 1

: "Ho pensato di lottare per andare sul podio, ma non avendo girato nelle libere ed in gara non sapevo dove spingere di più o un pò di meno...Avevo un po'di sfortuna da scontare, l'obiettivo era quello di centrare i primi sei e ci siamo riusciti, per gara 2 tentiamo di inventarci qualcosa"

Gara 2: "Devo dire che il motorsport è strano, il weekend è iniziato male ma è finito benissimo. Nelle altre gare era accaduto l'opposto... Ci tenevo a fare bene qui che è la gara di casa, inoltre lavoro qui all'Autodromo come istruttore. Questa vittoria è la ricompensa per il lavoro dei ragazzi dopo la sfortuna delle gare precedenti ed in queste ultime qualifiche e libere...La Wolf non era veloce in tutta la pista, specialmente sul lento non andava al massimo. Ero preoccupato con la Safety Car ma al nuovo via sono riuscito ad allungare subito respingendo gli ultimi attacchi. E'stato un bel weekend, mi sono proprio divertito."

Il commento di Carboni


"E'stato un weekend difficile, iniziato bene con un terzo ed un primo tempo nelle libere. Purtroppo a partire dalle qualifiche abbiamo faticato a trovare velocità ed essendo gare molto tirate, con un passo simile di molti piloti è difficile recuperare"

N.M.B.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail