Coppa Italia, Caiola trionfa ad Imola

Vittorie di Lissignoli e Piccin senior in Seconda Divisione

La penultima gara stagionale della Coppa Italia Turismo vede il successo di Alessio Caiola con la Seat Leon Cup Racer della Sirio Motorsport. Il pilota di Sezze non incontra una grande resistenza da parte degli avversari e già nella prima manche rifila quasi otto secondi alla Bmw M3 E92 di Riccardo Fumagalli. Ancor più staccato troviamo Stefano D'Aste con la Lotus Elise Cup PB-R, vittima di alcune noie tecniche per tutto l'arco della gara. Alle spalle del forte pilota lombardo troviamo l'eugubino Omar Fiorucci. Il pilota di punta e manager del Team Spider Motorsport, una delle innumerevoli squadre della Città dei Ceri, precede l'amico Alessandro Revello in un confronto tra Seat Leon Cup Racer. Lo stop a pochi passi dal traguardo della Honda Civic TCR di Samuele Piccin, che imita l'identica vettura di Luigi Bamonte subito costretto al ritiro, consente a Raffaele Lissignoli di conquistare un buon sesto posto assoluto assieme alla leadership in 2.Divisione. Bene anche Giulio Bensi che con la Bmw M3 E36 appartenuta ad Alessandro e Walter Leopardi segue il bresciano  precedendo nettamente la Honda Civic di Rino De Luca, costretto ad accontentarsi del gradino più basso del podio nella divisione "inferiore" e per di più doppiato dall'implacabile Caiola. Alle spalle di Rino De Luca troviamo Stefano Tassi autore di una gara onesta con la propria M3 E36. Il ritorno di Manuel Stefani in Coppa Italia con la Renault Clio della Faro Racing gli frutta l'undicesimo posto dietro a Piccin e davanti ad altre due Clio, quella DC Racing di Pierre Scarpellini e quella del privatissimo campano Antonio Marsilia. Chiudono la classifica della prima manche staccati di due giri il pilota della Grasso Racing Marco De Dominicis con la Seat Ibiza Tdi e Roberto Vanni con la Bmw 318 Racing Series curata da Walter Colacino, presenza costante nei campionati Turismo Open dello Stivale. La nera vettura bavarese disputerà solo la prima manche confermando un trend sfortunato sulla pista emiliana. Nella seconda manche subito brivido alla Rivazza con l'uscita di Alberto Fumagalli tradito dalla pista resa scivolosa da un cedimento meccanico nella gara precedente. Il filler sparso sull'olio non funziona a dovere e la M3 E92 slitta sull'olio urtando le protezioni e causando l'ingresso della Safety Car.  Alla ripartenza Caiola e Stefano D'Aste animano un duello all'ultimo sangue che si protrae fino alla bandiera a scacchi. E'il laziale ad avere la meglio per poco meno di mezzo secondo. Terzo posto per Fabio Fabiani subentrato a Samuele Piccin, mentre quarto chiude Edoardo Barbolini con la Seat Leon Cup Racer di BF Motorsport. Una piccola rivincita per la squadra di Imerio Brigliadori visto che in prima manche Matteo Bergonzini con la identica vettura si era dovuto ritirare. Continua il buon momento di Omar Fiorucci che chiude quinto davanti a Revello. Colpo di scena in 2.Divisione con Lissignoli, sul campo saldo leader, costretto a rinunciare alla vittoria per una irregolarità durante la fase di Safety Car. Così Camillo Piccin con la Honda Civic Type-R intasca il successo a mani basse. L'emiliano Stefano Tassi con la Bmw M3 E36 di Ati Car è terzo di gruppo davanti all'ottimo Stefani. Bensi chiude ai margini della Top Ten precedendo Scarpellini. Oltre a Lissignoli viene penalizzato di 25'' anche Marsilia e questo permette a De Dominicis di precederlo in classifica. Continua il calvario di Bamonte che termina in ultima posizione dopo avere perso due giri per noie meccaniche. La prossima ed ultima gara di campionato sarà a Misano Adriatico il prossimo 21 Ottobre.

N.M.B.

  • shares
  • Mail