Uno sguardo all'estero: Gerstl e Schnitzenbaumer re della BOSS GP

De Plano e Marco Ghiotto si riscattano dopo la sfortuna di gara uno

Li avevamo lasciati in occasione della tappa italiana di Monza, ora torniamo a seguire i bolidi della Big Open Single Seaters GP in occasione dell'ultima prova di campionato a Zeltweg in concomitanza con il DTM. La serie aperta alle migliori monoposto -Formula 1, GP2 e Formula 3000- vede la prima manche condizionata dalla pista umida. Già nel giro di formazione restano vittima di testacoda Sergio Ghiotto e Luca Martucci con le Dallara GP2 della MM International. Al primo giro altri incidenti eliminano le Dallara GP2 di Marco Ghiotto e Salvatore De Plano tornato nella serie solo con il round di Brno dopo che all'Hockenheim era rimasto infortunato in un incidente con Florian Schnitzenbaumer. Anche Phil Stratford con la sua Benetton B197 rimane coinvolto nella bagarre con una foratura che gli farà perdere un giro retrocedendolo in ultima posizione. Come se non bastasse c'è anche da registrare il ritiro del forte Armando Mangini con la sua Lola Formula 3000, per guasto meccanico. Il pisano non riuscirà nemmeno a prendere il via della seconda manche perdendo il terzo posto in classifica generale tra i piloti Formula. Peccato per il veterano toscano che a Monza aveva offerto una performance da vero campione sfiorando la vittoria in Gara 2. Dopo tre giri di Safety Car la corsa riparte e vede Ingo Gerstl comandare deciso con la Toro Rosso STR1. Privo di avversari dopo l'incidente di Stratford, Gerstl si invola verso un'ulteriore vittoria legittimando il titolo Open già vinto con largo anticipo. Alle sue spalle si danno da fare i piloti della classe Formula ed Alain Valente, volto noto della serie WTCC, conquista la seconda piazza con la sua Dallara GP2. Al terzo posto si installa il tedesco Andreas Fiedler con la sua verde Dallara GP2, che è ormai tornato in piena forma dopo l'incidente patito a Monza. Quarto, ed ultimo pilota a pieni giri, è Peter Goellner con una Dallara GP2 della Speed Center. L'unico italiano superstite è Gianluca Ripoli che con la Dallara GP2 di MM International è quinto. Sesto posto e seconda posizione tra le vetture Open per la Forti FG 03 di Hans Laub. Il bolide bianco-verde a motore Judd -che conserva ancora i colori dell'ultimo, sciagurato periodo di attività in Formula Uno della scuderia alessandrina- a Monza non era riuscito ad effettuare nemmeno una gara. L'ottavo posto assoluto, e sesto tra le vetture Formula, è sufficiente a Schnitzenbaumer per conquistare il titolo di classe 2018 con la sua Dallara GP2. Il tedesco si limita a rimanere alle spalle di Steding per tutta la corsa e raggranellare i punti sufficienti per unirsi a Gerstl tra i laureati del 2018. Chiudono la classifica Eicke con una Dallara GP2 e lo sfortunatissimo Stratford che comunque è terzo in classe Open. In seconda manche mancano all'appello Mangini, Steding, Thomas Jakoubek e Schnitzenbaumer che, dovendo tra pochi giorni operarsi ad una spalla, decide di non rischiare oltre avendo vinto il titolo Formula. Anche stavolta è Gerstl a dominare in condizioni meteo decisamente migliori rispetto alla prima manche, con Stratford saldissimo in seconda posizione fino alla bandiera a scacchi. Terzo e primo tra le Formula troviamo l'ottimo De Plano davanti a Marco Ghiotto che è l'ultimo dei piloti a pieni giri. Non sfigura però nemmeno il quinto classificato, Luca Martucci, terzo tra le vetture Formula. L'ex-protagonista del F2000 Italian Trophy parte dal fondo dopo il testacoda di gara 1 e si rende autore di un'ottima risalita che lo pone per soli sette decimi davanti a Valente. Fiedler segue l'elvetico mentre i nostri Ripoli e Sergio Ghiotto chiudono ottavo e nono assoluto duellando con accanimanto con Goellner ed Eicke. La Forti di Laub, di nuovo alle prese con problemi tecnici, chiude la classifica. Va così in archivio la stagione 2018 della BOSS Gp, con molte soddisfazioni, un livello tecnico sempre di alta qualità ed un calendario di respiro internazionale. La concomitanza col DTM ha permesso alla categoria di fruire di un pubblico da record in occasione dell'ultima gara. Il calendario 2019 non è ancora stato fissato ma saranno sicuramente confermate molte delle piste visitate nel 2018. Naturale, visto il crescente numero di piloti nostrani impegnati nella serie, la conferma di almeno una gara in Italia...

N.M.B.

  • shares
  • Mail