Trofeo Abarth, Mabellini risponde a Pajuranta

Squalifica per il finnico dopo la seconda manche

La penultima gara stagionale del Trofeo Abarth Selenia si disputa sul circuito di Monza e regala discrete emozioni. La prima manche è nella mattinata di Domenica e registra subito alcuni colpi di scena con Michele Monetti ed Andrea Mabellini che, traditi dall'asfalto ancora umido, sono vittima di urti contro le protezioni. Mentre Monetti è costretto a ritirarsi ai box, Mabellini riesce a proseguire sia pure con il paraurti anteriore vistosamente danneggiato dalla uscita alla Ascari. Al comando si porta deciso il finnico Juuso Pajuranta, mentre il leader di campionato Cosimo Barberini si installa alle sue spalle tentando in ogni modo di scavalcarlo e di guadagnare punti preziosi in ottica campionato. Tutto inutile per il toscano dato che per tutta la durata della gara Pajuranta chiude ogni varco per poi andare a vincere con un margine di centoquarantanove millesimi. Animata anche la lotta per il terzo posto con Robin Appelqvist che nelle fasi finali di gara soccombe al ritorno di Mabellini. Il portacolori V-Action scavalca lo svedese e si invola verso un terzo posto che nelle prime battute di gara appariva insperato. Distacchi più consistenti per gli altri concorrenti a cominciare da Stefano "Fisherman" Fiamingo che chiude quinto davanti a Biagio Caruso. Giovanni Gaetani in arte "Gioga" chiude settimo davanti a Boninsegna ed al padre Bonifacio Gaetani "Boga" che è l'ultimo dei piloti a pieni giri. Chiudono la classifica le vetture della classe 500 con Filippo Lazzaroni nettamente in vantaggio su Aurora Coria. In seconda manche c'è subito una neutralizzazione visto che a Lesmo Monetti sbanda e dopo avere attraversato gran parte della via di fuga si ribalta al rallentatore. Ripristinate le condizioni di sicurezza la gara riparte con Pajuranta ancora in vantaggio su Mabellini e Barberini. Il finlandese stavolta mette insieme un vantaggio leggermente più cospicuo sui due italiani e vince con un secondo e quattro decimi di vantaggio su Mabellini, ma in sede di verifica arriva la doccia fredda con una esclusione per irregolarità tecnica. Mabellini così ottiene la vittoria e Cosimo Barberini, secondo, riguadagna terreno su Pajuranta in ottica titolo. Quarto posto per "Fisherman" davanti a Caruso, "Boga", "Gioga" e Cristian Boninsegna. In classe 500 vittoria per Lazzaroni che si aggiudica il titolo di categoria battendo la Coria.

N.M.B.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail