Prototipi, Matteo Pollini nuovo campione

Giudice e Giacomo Pollini gli ultimi vincitori del 2018

Il Campionato Italiano Sport Prototipi chiude la stagione al Mugello Circuit e l'attenzione generale degli addetti ai lavori è polarizzata dal duello tra Lorenzo Pegoraro della Best Lap e Matteo Pollini per il titolo dell'edizione 2018, la prima con la nuova formula monomarca.

Gara 1


La prima manche si svolge con cielo parzialmente nuvoloso e pista in ottime condizioni. Già dal via si capisce che la bagarre sarà dura con Matteo Pollini che fatica per contenere alle sue spalle Claudio Giudice ed il marchigiano Simone Riccitelli. Molto bene fa anche Mirko Zanardini che è quarto. Va tutto storto ad Andrea Gagliardini che finisce subito fuori pista vanificando la buona posizione di partenza ed è costretto a rimontare dal fondo. Pegoraro dal canto suo lotta con Jesse Menczer e riesce a passarlo al Correntaio. Nonostante abbia le spalle "coperte" da Gianluca Carboni, Pegoraro non riesce a riportarsi sui primissimi. Giacomo Pollini tenta di portarsi in zona podio, scavalcando dapprima Zanardini e poi Riccitelli junior. Per Zanardini la gara si fa difficile, viene scavalcato da Carboni e quindi riprende la via dei box nella seconda parte di gara. Matteo Pollini rimane a lungo al comando ma a due giri dalla fine Giudice riesce nell'attacco vincente. Giacomo Pollini "aiuta" il cugino tenendo alle spalle Pegoraro che deve accontentarsi del quarto posto e si ritrova a cinque punti di distacco dalla vetta. Quinto posto per Simone Riccitelli davanti a Gianluca Carboni che sul finale di gara viene raggiunto da Andrea Gagliardini autore di una rimonta furibonda dal fondo della classifica. Per il laziale però è in arrivo un'altra beffa con due secondi di penalità che lo retrocedono alle spalle di Simone Borelli e Jesse Menczer. Chiude la Top Ten Filippo Caliceti, reduce dalla rottura al cambio che gli ha precluso la partecipazione alla Cividale Castelmonte.

Gara 2


Non prende il via della corsa Nicola Neri della Kinetic. Le condizioni della seconda manche sono ai limiti della praticabilità e per motivi di sicurezza il gruppo trascorre i primi minuti di gara dietro la Safety Car. Al via lanciato si trattiene il fiato, le Wolf GB 08 Thunder sollevano enormi spruzzi d'acqua che compromettono la visibilità e la possibilità di una carambola come quella di Gara 2 della Formula 4 non è remota. Fortunatamente il gruppo si sgrana senza particolari problemi, dimostrando il buon grado di correttezza raggiunto dai piloti della serie. Giacomo Pollini domina la corsa e ben presto si mette alle spalle Lorenzo Pegoraro e Gianluca Carboni. Il bagnorese comunque non demorde e mantiene il secondo posto guidando con autorevolezza sul bagnato. Nel frattempo, penalità per Zanardini per un pasticcio durante i giri sotto bandiere gialle. Pegoraro e Riccitelli junior lottano con Gagliardini e Matteo Pollini per il terzo posto, poi su questo gruppo si riporta uno scatenato Zanardini che salta per primi Menczer ed Uboldi. Quindi il bresciano attacca Gagliardini ma esagera e lo tocca quel tanto che basta per mandarlo in testacoda mettendo fine alle sue ambizioni di podio. Il laziale sarà costretto a rientrare ai box e ritirarsi. Per Gagliardini epilogo sfortunatissimo di una stagione con tanti inciampi. Al comando Giacomo Pollini "vola" con Carboni saldo in seconda posizione e ben deciso a conquistare all'ultimo tentativo almeno il miglior piazzamento stagionale. Pegoraro intanto subisce l'attacco di Simone Riccitelli, che guadagna il quarto posto. A pochi minuti dalla fine il marchigiano passa virtualmente terzo visto che Zanardini subisce venticinque secondi di penalità per il contatto con Gagliardini. Sul finire di gara Davide Uboldi e Simon Hulten vengono fermati da problemi meccanici, mentre Giacomo Pollini va a vincere indisturbato su Carboni e Simone Riccitelli. Il bagnorese risale sul podio dopo la vittoria di classe alla Cronoscalata della Castellana e conquista un secondo posto piuttosto amarognolo. La Best Lap infatti fallisce l'assalto al titolo che va a Matteo Pollini, quinto alle spalle di Pegoraro. Sesto dopo una gara molto irruenta Zanardini davanti a Menczer, Filippo Caliceti, Shahin Mobine e Simone Borelli.

N.M.B.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail