Bel weekend per la Scuderia Città di Gubbio a Magione

Pierluigi Calzuola e Sanzio Cappellini terzi nel 3.Raggruppamento alla 2 Ore Fino a 1.6

La Scuderia Città di Gubbio chiude nel migliore dei modi la sua stagione 2018 all'Autodromo dell'Umbria. A portare in alto il sodalizio eugubino è il "leader" Pierluigi Calzuola che porta in gara alla 2 Ore Autostoriche "Anchise Bartoli" una Volkswagen Golf GTI 3.Raggruppamento in coppia con il pratese Sanzio Cappellini.

2 Ore Storiche Fino a 1.6


Le condizioni in cui si disputa la finale del Campionato Italiano Autostoriche non sono delle migliori: la pista è completamente bagnata a causa della fitta pioggia che fin da Sabato mattina colpisce l'Autodromo dell'Umbria rendendo piuttosto complicate anche le due sessioni di qualifica. Inoltre la concorrenza in classe è particolarmente agguerrita con la presenza della Fiat 128 Coupè di Cosimo e Francesco Turizio, della Fiat X1/9 di Andrea Tessaro e della Fiat Ritmo 75 di Roberto Piatto e Luca Zanella. Al via Giove Pluvio sembra concedere una tregua; i Turizio sono i primi a portarsi al comando, ma dopo soli tre giri la loro potente 128 Coupè subisce l'ennesimo cedimento meccanico. La Golf di Calzuola e Cappellini passa così terza di classe, ma mancano ancora un'ora e cinquantasette minuti di gara e quindi la posizione bisogna mantenerla risparmiando la meccanica ed evitando errori di qualsiasi genere. L'equipaggio umbro-toscano guida la Golf GTI grigia con perizia sulla pista umida lasciando correttamente strada alle auto più potenti ed evitando inutili bagarre; né Cappellini né Calzuola si fanno prendere dal panico quando nella seconda metà di gara la pioggia torna a cadere piuttosto fitta sul tracciato. La neutralizzazione dovuta al recupero della Fiat Abarth 1000 Berlina 1.Raggruppamento di Graziano Tessaro, insabbiatasi alla Curva Papa, non sconvolge i piani della Scuderia Città di Gubbio con l'ultimo pit-stop che si svolge regolarmente, senza subire penalizzazioni. La pioggia cala di nuovo di intensità negli ultimi minuti di gara, e c'è un ultimo brivido con il lungo fuori pista della rossa Mini Cooper S 1.Raggruppamento di Carlo Boido che va lunga nella parte bassa del tracciato toccando le barriere. Fortunatamente la Mini riprende la gara con l'aiuto dei commissari e non ci sarà bisogno di neutralizzazione. Intanto l'Alfa Romeo Giulia Sprint GTA di Massimo e Marco Guerra va a prendersi il comando dell'Assoluta scavalcando Andrea Tessaro. Il tempo di gara scade, i Guerra vincono la gara Assoluta ma anche i ragazzi della Scuderia Città di Gubbio festeggiano per il terzo posto di Gruppo di Calzuola e Cappellini. Un piazzamento veramente brillante visti gli avversari e le condizioni dell'asfalto!

Super Cup


Se Pierluigi Calzuola porta a casa un bel risultato nella 2 Ore Storica, sul fronte Super Cup la fortuna non sorride alla Scuderia Città di Gubbio. Dovevano essere due le vetture del team eugubino in campo nella prova extra-campionato della serie di Giordano Giovannini: la Citroen Saxo Vts MkII grigia per Michele Piccini e la Alfa Romeo 156 ex-Walter Leopardi per il marchigiano Davide Baffa Scinnelli. In particolare, l'Alfa era attesa al ritorno in gara dopo due anni di assenza. Il nuovo proprietario ha sottoposto in questo lasso di tempo il bolide ex-Francesco Bravi ad un accurato restyling, si può dire veramente "centimetro per centimetro". Il motore è stato reso più potente e la carrozzeria ha una nuova sgargiante livrea "All-White". Purtroppo, Michele era costretto a rinunciare alla corsa per motivi lavorativi, mentre Baffa Scinnelli veniva colto da un improvviso malore subito dopo l'arrivo a Magione, venendo costretto addirittura al ricovero ospedaliero! Per il marchigiano sfumava così il ritorno in gara dopo una lunga assenza, e la bella Alfa Romeo 156 rimaneva inattiva nel paddock. Davide si rifarà certamente nel 2019, un anno che promette molto bene per la Scuderia Città di Gubbio. Il team di Pierluigi Calzuola -che di recente ha acquisito la Bmw 325 E36 ex-Carlo Vivio ed ha riacquistato la storica Peugeot 106 1.4 bianco/giallo/rossa- continuerà a gareggiare nella Bmw 318 Racing Series ed in Super Cup, ed il prossimo anno aggiungerà anche un impegno a tempo pieno con più vetture nel nuovo Campionato Umbro Slalom, serie che includerà anche il confermatissimo Memorial Giuseppe Nuti, in programma sulla strada che da Pontericcioli conduce a Scheggia e curato con successo dalla Scuderia Città di Gubbio.

N.M.B.

 

  • shares
  • +1
  • Mail