La superiorità di Ignazio Cannavò al Time Attack di Racalmuto

Sconfitte le numerose Supercars dei piloti maltesi

Oltre ad una ottima stagione 2018 nelle Cronoscalate dell’Italia Meridionale, Ignazio Cannavò si è lanciato con profitto nel mondo del Time Attack. Sempre al volante della fedele Lamborghini Gallardo del team maltese One Racing Team Limited assistita dal meccanico Giuseppe Pirellone, il siracusano ha disputato tre eventi sul tracciato siciliano di Racalmuto. Già nell’evento disputatosi a Maggio, Cannavò aveva dimostrato l’eccellente potenziale della sua Lambo bianca sconfiggendo il nutrito contingente di piloti maltesi giunto sul continente con potenti Supercars. Cannavò aveva ragione dei Borg, Darryl su GTR e Mark su F430, e della Mazda RX7 di Lawrence Grixti. Ad Ignazio erano sufficienti 13 giri per siglare il miglior tempo su un gruppo di ottantadue concorrenti. Dopo il lungo periodo estivo di cronoscalate, con molti successi e poche battute d’arresto dovute alla sfortuna, Cannavò tornava a Racalmuto il 4 Novembre. Con un plateau di iscritti un po’meno cospicuo, ma di altissima qualità, Ignazio conquistava il secondo posto vendendo cara la pelle contro la IDR di Ivan Deidun. Nonostante la monoposto del forte maltese apparisse in vantaggio sulla Gallardo, Cannavò conteneva benone i danni in termini di distacco con un ritardo finale di soli tre secondi e mezzo. A rendere ancor più soddisfacente la gara del siculo anche il fatto di avere costretto al terzo posto assoluto un altro maltese, Joseph Caruana, al volante di una monoposto BM.

Un mese di attesa ed il 9 Dicembre Cannavò tornava ancora una volta a Racalmuto per l’ultima gara del 2018. Al via dell’ultimo, sentito evento stagionale si sono presentate ben 100 vetture, con la presenza anche di alcuni reduci del CIVM quali Umberto Lunardi con la Subaru Impreza, Giorgio D’Allura con la Renault New Clio e Liborio Guaggenti e Michele Guarino sulle intramontabili Peugeot 205 Rally oltreché di Joe Anastasi, che con la propria potentissima Mini ha capitanato il classico “gruppone” di maltesi in trasferta a Racalmuto. A Cannavò sono bastati 20 giri, contro i 24 del secondo Johan Spiteri, per mettere tutti alle spalle. Un ottimo decimo giro in cui ha siglato il tempo di 1:07.007 ha consegnato a Cannavò la vittoria assoluta. Una performance che conferma una volta di più la ragguardevole potenza della Gallardo e rilancia Ignazio nella conquista di ulteriori prestigiosi titoli nel CIVM e nel TIVM del 2019. Ignazio Cannavò ringrazia gli sponsor Imperiale Group, Igm Rifiuti Industriali e gli altri partner che hanno contribuito a questa stagione di successo ed allo sviluppo della Gallardo.

 

N.M.B.

  • shares
  • +1
  • Mail