Marchioro trionfa al Valtiberina 2019

Secondo Costenaro con la Citroen C3 R5

Nicolò Marchioro e Marco Marchetti conquistano in maniera trionfale il Rally Valtiberina Città di Arezzo 2019, penultima prova del Raceday Terra 2018/2019. Al volante della Skoda Fabia R5 comandano le operazioni fin dai primi passaggi svolti sugli sterrati senesi di Asciano, per poi conservare la leadership per l'intera seconda giornata di gara disputata sui "tradizionali" sterrati attorno ad Arezzo. Al secondo posto troviamo Giacomo Costenaro e Justin Bardini che fanno volare, ma non a sufficienza, la nuova Citroen C3 R5. Il figlio d'arte comunque dimostra la notevole competitività della vettura francese, attesa al debutto nel CIR il prossimo weekend al Ciocco. Al terzo posto con una Skoda Fabia R5 troviamo l'umbro Francesco Fanari che come da tradizione si fa leggere le note dal sammarinese Silvio Stefanelli. Il pilota di Spello è il migliore tra i concorrenti della serie Raceday ma la concorrenza di Christian Marchioro e Silvia Dall'Olmo -anche loro in gara su Skoda Fabia R5- è stata serratissima. Solo nel finale di gara Fanari, risolti i problemi di gomme, riesce nel sorpasso al quotato avversario. Quinto posto assoluto per Piero Longhi. Il piemontese, ex-Campione Italiano Rally nel 2000 ed oggi anche curatore del Trofeo F2000 in pista, dimostra una classe immutata ed una ottima intesa con Gianmaria Santini e la Skoda Fabia da lui pilotata. Al sesto posto c'è l'imprenditore del beverage Tullio Versace, come sempre affiancato da Cristina Caldart e subito a suo agio con nuova Skoda Fabia R5 con cui sostituisce le usuali Ford pilotate nelle scorse stagioni. Per il veneto anche il terzo posto tra i piloti Raceday con ampio margine sulla Ford Fiesta WRC di Andrea Smiderle, apparso in lieve difficoltà sugli sterrati toscani. Smiderle si deve accontentare del settimo posto assoluto davanti al veterano Luciano Cobbe, che con Fabio Turco "rinnega" le vetture Ford per passare anche lui alla Skoda Fabia R5. Nono posto per il migliore degli equipaggi stranieri, lo sloveno Aljosa Novak in coppia con Jaka Cevc. Pure Novak gareggia con una Fabia R5 sancendo un weekend trionfale per la casa di Mlada Boleslav che piazza sette vetture nella Top Ten assoluta, completata però da una Ford Fiesta R5. A pilotarla sono Massimo e Giovanni Squarcialupi; il primo ha al suo attivo anche una breve esperienza nell'ultima edizione del Campionato Italiano Turismo di Serie con una Seat Ibiza Cupra. In Gruppo N, orfana di Bruno Bentivogli subito mollato dalla trasmissione della sua fida Subaru Impreza, trionfo delle Mitsubishi Lancer Evo IX con Riccardo Rigo che sconfigge nettamente lo sloveno Darko Peljhan, ma al terzo posto di gruppo sorprende Alessandro La Ferla che con una Peugeot 106 della Jag Sport è quattordicesimo assoluto e vince la N2. In N3 vittoria per il locale Davide Rosini con la Opel Astra OPC; alle note c'è Francesco Cardinali. Completano il podio di classe Marco Mangiarotti e Giovanni Onorati con una Renault Clio RS della GR Motorsport ed i locali Marco Piccinelli ed Andrea Rubellini, anche loro al volante di una poderosa Renault Clio. Vale la pena ricordare che Piccinelli e Rubellini hanno al loro attivo anche numerose partecipazioni in Salita e Slalom. Al quinto posto di classe N3 c'è un altro polivalente altovaltiberino, Marco Berrino con una Renault Clio Rs ed Ilaria Parrini alle note. Il vincitore della R2B, il veloce Alessandro Uliana con la Ford Fiesta, termina tredicesimo assoluto in mezzo alle migliori Gruppo N. Sconfitto nettamente Roberto Galluzzi su identica vettura. Ancora più dietro Fabio Battilani con la Peugeot 208, penalizzato anche da una foratura nella seconda giornata di gara. In R3C facile vittoria per Flavio Tarantino e Renzo Fraschia su Renault New Clio di Eurospeed. Tra le vetture di Gruppo A spicca la grande performance di Fabrizio "Betullo" Morgantini che con Alessandro Oretti alle note vince la classe ed è diciottesimo assoluto. Secondo Simone Calzia con una Rover MG 105 ZR, affiancato dal ligure Fabrizio Filicicchia. La corsa aretina si conferma massacrante con sole trentotto vetture al traguardo tra le Auto Moderne e tredici tra le Auto Storiche. A vincere qui è Simone Romagna con Dino Lamonato su Lancia Delta Integrale davanti alla Lancia 037 di Mauro Sipsz. Il Raceday Terra chiuderà la propria stagione 2018/2019 il 6 e 7 Aprile a Volterra con il Liburna Terra.

N.M.B.

 

  • shares
  • Mail