Tanak leader al Rally di Corsica

L'inglese Evans in seconda posizione

Il Rally di Corsica 2019 riserva non poche sorprese agli appassionati. Dopo la nona Prova Speciale il leader della competizione è l'estone Ott Tanak, uno dei principali rivali del pluri-campione del mondo Sebastien Ogier. Tanak ed il suo copilota Martin Jarveoja non possono dormire però sonni tranquilli, con l'ufficiale Ford Elfyn Evans che è distante solo due secondi e tre decimi dalla Toyota Yaris WRC dell'estone. In piena corsa per la vittoria rimane il belga Thierry Neuville con la Hyundai i20 Coupe Wrc. al suo fianco come sempre Nicolas Gilsoul. La Hyundai vola alto anche con Dani Sordo e Carlos Del Barrio che navigano a ridosso della zona podio, in quarta posizione. Dicevamo di Ogier: il campione transalpino non brilla sugli asfalti di casa e con la Citroen C3 WRC occupa solamente il quinto posto in classifica, tra l'altro nella nona speciale è riuscito a scavalcare in classifica assoluta la Ford Fiesta WRC di Teemu Suninen. Ogier comunque ha avuto fortuna perché già nella prima speciale ha rischiato un incidente con una mucca. Fortunatamente la strada era abbastanza larga ed Ogier ed Ingrassia hanno schivato l'ostacolo, ma poteva andare veramente male. Non è poi nemmeno la prima volta che degli animali al pascolo "guastano" questo rally. Molti ricordano ancora il brutale incidente di Tommi Makinen nel 1997 causato da un'altra mucca. La Citroen non raccoglie granché anche con Esa-Pekka Lappi che è settimo con la seconda C3 WRC. Un testacoda e problemi vari condizionano la marcia di quello che per molti anni è stato il dominatore del tarmac isolano, Sebastien Loeb, che per il momento occupa l'ottavo posto con la Hyundai i20 Wrc davanti alla Toyota Yaris WRC di Kris Meeke, vittima di un paio di forature nella prima giornata. Tanak a parte, per la Toyota questo rally non sembra mettersi bene, dato che Jari-Matti Latvala è solamente decimo. Nel WRC 2, si segnalano problemi per Kalle Rovanpera che con la sua Skoda Fabia R5 non è ancora giunto al traguardo della PS 9. Così Lukas Pieniazek è saldamente al comando con la sua Ford Fiesta R5. Buone notizie per i colori italiani vengono dalla classe WRC 2 "semplice" che vede al comando Fabio Andolfi e Simone Scattolin con la Skoda Fabia R5. Andolfi approfitta dei problemi che penalizzano Eric Camilli retrocesso secondo di classe con la Volkswagen Polo GTI, mentre terzo è Nikolay Gryazin con la Skoda Fabia R5 davanti a Kajetan Kajetanowicz e Ole Kristian Veiby entrambi su Polo GTI. Solo decimo "Pedro" che stavolta passa alla Ford Fiesta R5, mentre Simone Tempestini paga un urto nella prima giornata di gara con la Hyundai i20 e naviga attardato. Peggio ancora è andata ad Andrea Nucita fermato da un brutale incidene con la sua Hyundai i20 R5 proprio nella nona speciale. Tra le RGT salda leadership per Enrico Brazzoli con la Abarth 124 Rally. In JWRC, dominio svedese con Tom Kristensson primo e Dennis Radstrom secondo ma Enrico Oldrati si difende ed è settimo in questa classe animata esclusivamente da Ford Fiesta MkVIII R2T. Prosegue anche la gara dei privati Williams Zanotto su Peugeot 208 R2B ed Alberto Sassi su Abarth 124 RGT. Dopo l'assistenza la seconda giornata di gara continuerà con altre tre speciali, poi la Domenica si chiude con la lunga PS Eaux de Zilia e la Power Stage a Calvi.

N.M.B.

  • shares
  • Mail