Dopo undici anni la Dakar cambia casa

Al Attiyah difenderà il titolo nei deserti "di casa"

La Dakar cambia di nuovo "casa". Dopo dieci anni di gare nei deserti dell'America Latina, dove era stata spostata a causa della crescente pericolosità dei gruppi terroristici in Nord Africa che portarono all'annullamento della edizione 2008, la massacrante corsa passa nei deserti dell'Arabia Saudita a partire dalla edizione 2020. Un percorso nuovo, ancora in via di definizione, ma che darà filo da torcere alle auto, alle moto ed ai camion che lo sfideranno nel prossimo Gennaio. Per Nasser Al-Attiyah una ghiotta opportunità per difendere il titolo riconquistato quest'anno nei deserti peruviani grazie alla perfetta conoscenza del deserto arabo. Anche gli altri piloti arabi e mediorientali messisi in mostra nelle ultime Dakar, quali Yazeed Al-Rajhi, approfitteranno però del fattore campo per puntare al successo assoluto. E'fuor di dubbio poi che anche il resto del "plateau" della Dakar, comprendente una infinità di "big" quali Sebastien Loeb, Giniel De Villiers e Carlos Sainz, accetterà con favore il nuovo "campo di battaglia", con sabbie che ricordano gli sterminati deserti africani fino al 2007 teatro di questo storico Raid. Continuate a seguirci, vi aggiorneremo regolarmente sulle ultime novità...

N.M.B.

  • shares
  • Mail